Attento Napoli, il Chelsea ti vuole soffiare Maurizio Sarri. Il presidente russo Roman Abramovich ha infatti già in mente l'accoppiata 'vincente' per l'anno prossimo: l'allenatore partenopeo in panchina e Gianfranco Zola direttore tecnico. Quest'ultimo, peraltro, è già stato contattato e avrebbe accettato. Più difficile, al momento, ottenere una risposta da parte di Sarri, concentrato su uno storico scudetto da portare sotto il Vesuvio, roba che non si vede dai tempi di Maradona.

Insomma, la fiducia ad Antonio Conte è chiaramente a tempo e, comunque, le strade dell'allenatore leccese e del Chelsea sono destinate a separarsi massimo a giugno.

Abramovich, per la successione, si è invaghito del 'sarrismo', del gioco che Maurizio Sarri ha saputo portare e imporre al Napoli. Per questo motivo, il tecnico ha bloccato il rinnovo del contratto, in scadenza il 30 giugno del 2020. A Sarri farebbe piacere restare a Napoli, ma attenderà di potersi sedere al tavolo con la forza di un campionato vinto per strappare il contratto della vita ad Aurelio De Laurentiis. Altrimenti, fuga verso Chelsea.

Sarri al Chelsea, bisognerà attendere maggio

In ogni caso, per saperne di più, bisognerà aspettare maggio. Difficile che la sfida scudetto Napoli - Juventus si risolva in anticipo. Il campionato di serie A termina il 20 maggio. Complicato, però, che il Chelsea aspetti così tanto per scegliere l'allenatore del futuro.

Sarri, per restare a Napoli, chiede due cose al presidente De Laurentiis: che prosegua nel rinforzare la squadra, in modo da avvicinarsi sempre di più alle big europee, e che continui il rapporto con il diesse Cristiano Giuntoli, con cui ormai si è instaurato un rapporto strettissimo.

Poi, ci sono anche i soldi. Che questa volta non sono marginali.

Perché va bene il Napoli europeo, va bene la sbornia di un eventuale scudetto soffiato alla Juventus dopo sei anni di dominio ininterrotto, ma Maurizio Sarri vuole passare all'incasso. Forte pure della clausola che c'è sul contratto e che De Laurentiis, in cambio del rinnovo, vorrebbe cancellare. Sì, perché se il Chelsea si è fatto avanti in modo convinto, pure altri club hanno già bussato all'entourage del tecnico italiano.

Repubblica parla di Gianfranco Zola già chiamato e lusingato dalla possibilità di tornare al Chelsea, anche se con altre vesti. Ora, ad Abramovich non resta che convincere pure Sarri con una di quelle offerte che è (quasi) impossibile rifiutare. Tra l'altro, in quel di Londra, l'allenatore in tuta si porterebbe pure Ghoulam, che tanto piace da quelle parti. Certo, a Napoli, non staranno con le mani in mano. Ma come successo per Walter Mazzarri quando la corte dell'Inter si fece insistente, De Laurentiis non accetta che gli venga forzata la mano. Chi vuole rimanere, resta. Altrimenti, il progetto prosegue con un altro manico.