Il Milan si appresta ad affrontare l’importantissimo impegno di Europa League con la sfida ai bulgari del Ludogorets. La squadra di Gattuso si presenta all’impegno nelle migliori condizioni possibili, infatti il Milan è imbattuto da otto partite ufficiali e vuole portare avanti questa serie. I rossoneri si troveranno di fronte una squadra che non disputa un incontro ufficiale da circa due mesi, ragion per cui sarà praticamente impossibile capire alla vigilia la forma dell'avversario e anche in che modo scenderà in campo un vero e proprio enigma per il Milan.

Secondo le ultime indiscrezioni il tecnico rossonero dovrebbe confermare i titolarissimi, a discapito di giocatori che hanno giocato di meno e che non stanno dando le dovute garanzie.

Andrè Silva: uno spinoso caso da 38 milioni di euro?

Tra i giocatori che dovrebbero partire dalla panchina, qualora il tecnico decidesse di confermare gli uomini scesi in campo in campionato figurerebbe anche Andrè Silva, che rischia di diventare un vero e proprio caso all’interno dello spogliatoio rossonero. Il talento portoghese è infatti il capocannoniere del Milan in Europa League con 8 reti all’attivo, ma in campionato è ancora fermo a quota zero. Dopo l’ultima chance da titolare concessagli ad Udine, Silva sembra aver esaurito i bonus tanto che Gattuso sembra orientato a schierare il “tarantolato” Patrick CUTRONE al centro del tridente.

Il talento rossonero ha fatto letteralmente innamorare il tecnico calabrese, sia per la sua efficacia sotto porta, sia per la sua fame di goal quando viene chiamato in causa. A farne le spese in questo momento potrebbe essere quindi Andrè Silva. Il Milan in estate ha speso 38 milioni per il cartellino del giocatore e non può permettersi una svalutazione esagerata che per il momento appare inevitabile.

Andrè Silva saluta a giugno? Diverse pretendenti per lui

L’ipotesi che si era fatta largo a gennaio, successivamente smentita dalla dirigenza, era quella di una cessione del portoghese già nel mercato invernale per non perdere l’investimento fatto. DI comune accordo Jorgè Mendes, procuratore del giocatore, e lo stesso Andrè Silva hanno deciso di non lasciare Milano per giocarsi le proprie carte in rossonero.

Da qui a giugno però le cose potrebbero cambiare, e qualora il giocatore non trovasse ancora spazio difficilmente resterà in rossonero anche la prossima stagione. Su di lui ci sono diverse squadre, che già a gennaio avrebbero formulato delle consistenti offerte. Tra tutte lo Swansea è stata la più vicina al giocatore e secondo alcune fonti si era spinta ad offrire 38 milioni di euro per lui, ottenendo però un rifiuto da parte del Milan. Se la situazione dovesse ripetersi fino a fine stagione, difficilmente Mirabelli rifiuterà proposte di questo genere.