In una giornata parlare in cui parlare di calcio è diventata un impresa impossibile è arrivato una notizia importante dalla Spagna, con il Barcellona che ha vinto lo scontro diretto contro l'Atletico Madrid, portandosi a +8 sulla squadra di Simeone. Decisiva la perla di Lionel Messi che ancora una volta mette il suo zampino nelle gare che contano, realizzando la rete numero 600 in gare ufficiali con la maglia che l'ha visto crescere e diventare uno dei calciatori migliori di tutti i tempi.

Il Barcellona ha il campionato in pugno

E' stata una domenica di calcio totalmente abulica in Italia per il rinvio di tutte le gare in programma per la scomparsa a soli 31 anni di Davide Astori, i campionati esteri si sono giocati regolarmente anche se la drammatica notizia ha fatto il giro del mondo lasciando un senso di incredulità e di enorme vuoto.

Nel campionato spagnolo era in programma un crocevia importante in chiave scudetto con il Barcellona che ospitava la squadra di Simeone, alla fine l'ha spuntata la squadra di casa grazie ad una magia di Messi che al 26esimo del primo tempo ha fulminato Oblak con una punizione da manuale dal limite. Valverde ha schierato i suoi con un 4-4-2 che in fase offensiva si è trasformato in 4-2-4 grazie agli inserimenti di Coutinho e Iniesta sugli esterni, mentre in avanti hanno giocato Messi e Suarez con quest'ultimo che ha disputato una gara al di sotto delle aspettative. Anche Simeone ha puntato sul 4-4-2 schierando davanti Diego Costa con Griezmann a girargli intorno nel tentativo di non dare punti di riferimento, a centrocampo hanno giocato Saul a destra e Koke a sinistra nel tentativo di contenere le avanzate di Coutinho.

La partita è stata controllata dall'inizio alla fine dai blaugrana che hanno rischiato poco attaccando e difendendo con la stessa efficacia, mancando in diverse occasione la rete della sicurezza per via di alcuni interventi strepitosi di Oblak. Dal canto suo l'Atletico si è limitato a non subire dando l'impressione di essere molto intimorito dal blasone dell'avversario, un peccato visto che era l'occasione buona per riaprire il campionato e mettere pressione alla squadra di Valverde.

Una mansione speciale la merita Messi che ha realizzato la rete numero 600 con la maglia del Barcellona dimostrandosi ancora una volta insostituibile, saranno decisive le sue giocate anche in Champions per cercare di tornare ad alzare un trofeo che nelle ultime due stagioni è stato vinto dal Real Madrid.

Il Barcellona è ancora imbattuto in campionato

I numeri del Barcellona in campionato sono da record e fanno paura grazie alle zero sconfitte subite finora, a dimostrazione che la squadra blaugrana ha ritrovato lo smalto dei tempi migliori ed è pronta a dire la sua anche in Champions. In 27 gare di campionato ha ottenuto 21 vittorie e 6 pareggi realizzando addirittura 70 reti per la fatidica media di quasi tre reti a partita, ma la cosa che più fa impressione sono i soli 13 gol subiti che dimostrano la ritrovata solidità difensiva con i centrali Pique e Umtiti che stanno giocando a livelli altissimi. Mancano 11 gare alla fine del campionato e il Barcellona ha in pugno il titolo grazie ad un vantaggio di 8 punti sulla seconda, a meno di una catastrofe improbabile in queste ultime gare Valverde potrebbe festeggiare il primo titolo al primo anno sulla panchina catalana.

Segui la nostra pagina Facebook!