Stando a quanto riporta il noto quotidiano torinese "Tuttosport", Massimiliano Allegri potrebbe accettare di trasferirsi al Real Madrid. Il tecnico toscano, infatti, sarebbe la prima scelta del presidente Florentino Perez dopo l'addio di Zinedine Zidane, annunciato proprio dall'allenatore francese a sorpresa in conferenza stampa. Sarebbe stato proprio Perez a telefonare direttamente ad Allegri venerdì scorso, per proporgli la panchina di uno dei club più prestigiosi d'Europa. Sembra comunque molto difficile che l'allenatore livornese decida di tradire la Juventus, dopo che solo due settimane fa ha concordato di restare con la dirigenza bianconera (facendo un programma per il mercato estivo).

Nel Calciomercato, comunque, tutto può succedere e la Juventus non può assolutamente farsi trovare impreparata (ricordiamo comunque che il Real Madrid segue anche altri due tecnici, Joachim Loew, commissario tecnico della Germania, e Mauricio Pochettino del Tottenham). Ecco tutti i dettagli delle ultime indiscrezioni sul calciomercato bianconero.

Juventus, ecco le possibili alternative ad Allegri

Nei giorni scorsi, i media italiani e spagnoli hanno parlato di un possibile scambio di panchine tra Massimiliano Allegri e Zinedine Zidane. Quest'ultimo è rimasto da tempo legato ai colori bianconeri e ha spesso dichiarato che gli piacerebbe non poco tornare a Torino, la città dove è esploso definitivamente come calciatore.

Per lui, però, è molto forte la possibilità di diventare commissario tecnico della Germania. A Zidane, inoltre, sarebbe stata offerta la guida della nazionale del Qatar, in vista dei Mondiali del 2022 (al francese sono stati proposti ben duecento milioni di euro). Se Allegri dovesse partire, comunque, oltre a Zidane ci sono vari nomi, tra i quali spicca quello di Maurizio Sarri, certamente uno dei migliori tecnici in circolazione tra i "disoccupati".

Pare però molto difficile che accetti la panchina bianconera, vista la rivalità che c'è sempre stata tra lui e l'ambiente bianconero. Attenzione a Simone Inzaghi (tecnico che piace moltissimo a Marotta), Luis Enrique e Paulo Sousa (che è rimasto molto legato alla Juventus). La dirigenza bianconera, inoltre, monitora da tempo anche Diego Pablo Simeone, tecnico molto apprezzato per il suo carisma. Più difficili, invece, le strade che portano a Deschamps e ad Antonio Conte.