Se prima dell'inizio del campionato del mondo era difficile scegliere la potenziale vincitrice, dopo le prime partite disputate è ancora più complicato. Un Mondiale che sta evidenziando diversi problemi per tutte le principali favorite alla vittoria finale, probabilmente a causa di una maggiore pressione subita dai giocatori, ma anche per le motivazioni più alte delle cosiddette "cenerentole".

La prima sorpresa si è evidenziata già nel seconda partita del Mondiale, con la grande fatica patita dall'Uruguay contro l'Egitto.

La Celeste, allenata dal Maestro Óscar Washington Tabárez, è riuscita a spuntarla solo in extremis sui Faraoni di Momo Salah, grazie ad un goal su palla inattiva di Gimenez.

Un'altra sorpresa è arrivata nel primo match del girone B, quello tra Marocco ed Iran. I Leoni dell'Atlante, prima del match nettamente favoriti sull'Iran di Queiroz, sono usciti sconfitti a causa di un'autorete in zona Cesarini.

Non deludono le attese invece Portogallo e Spagna, che pareggiano 3-3 nella partita finora più bella del Mondiale di Russia. Non ha deluso ovviamente Cristiano Ronaldo, che infiamma tutto il Mondiale con una tripletta. Degno di nota il terzo goal: una perla su punizione negli ultimi 5 minuti.

Messi e l'Albiceleste non brillano

La nazionale argentina è al centro di polemiche senza fine dopo il clamoroso pareggio contro la debuttante Islanda.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Mondiali Russia 2018 Calciomercato

L'Albiceleste, in vantaggio con un bel sinistro di Agüero, è stata raggiunta dopo appena 5 minuti grazie a un gol di Finnbogason. Argentina che ha avuto l'opportunità di vincere il match, ma Messi, ipnotizzato dall'estremo difensore islandese Halldorson, ha sbagliato il rigore del possibile 2 a 1. Molte colpe sono state attribuite al CT Sampaoli, colpevole secondo la stampa argentina di aver inserito il bomber Gonzalo Higuain solamente quando mancavano cinque minuti alla fine della partita. Il prossimo impegno argentino, sarà complicatissimo, infatti dovrà affrontare la temibile Croazia di Modric, Manzukic e Perisic.

Stecca anche la Germania

Anche i campioni del mondo in carica steccano all'esordio di Russia, perdendo nella partita inaugurale del girone F contro il Messico a causa di un gol nel primo tempo di Hirving Lozano. La Germania dopo la sconfitta si è messa immediatamente a lavoro, cancellando tutte le conferenze stampa, compresa quella dell'ex capitano tedesco Lahm. Situazione nel girone complicata per i tedeschi complice anche la vittoria della Svezia contro la Corea del Sud.

Parte lento il Brasile

C'era molta attesa per vedere l'esordio mondiale del Brasile, anch'essa una delle favorite alla vittoria finale. Nel match contro la Svizzera del CT Petkovic, la Seleçao è andata in vantaggio grazie ad un capolavoro di Coutinho, ma nel secondo tempo, complice una disattenzione difensiva di Miranda, ha subito il pareggio grazie ad un colpo di testa di Zuber. Non brilla Neymar che riesce a conquistare numerosi calci di punizione, ma non si rende mai concretamente pericoloso dalle parti di Sommer.

Qualificazione per il Brasile che rimane comunque in discesa salvo il fatto che non commetta un altro passo falso nel prossimo match contro il Costa Rica.

Bene Belgio ed Inghilterra

Soffrono più del previsto, Belgio ed Inghilterra, rispettivamente contro Panama e Tunisia. La nazionale allenata da Roberto Martinez, non riesce a sfondare la difesa della debuttante del Panama per i primi 45 minuti. Nel secondo tempo, serve una magia al volo di Mertens per aprire le marcature che aumentano successivamente con la doppietta di Lukaku. L'Inghilterra vince soffrendo, ma convince sul piano del gioco. Dominio territoriale spaventoso della squadra inglese che deve migliorare la concretizzazione delle occasioni da rete. Nella partita contro la Tunisia va avanti con un tap-in di Kane ma si fa raggiungere per effetto del rigore realizzato da Sassi. Il gol vittoria arriva solo al 91esimo con ancora un gol di Kane.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto