E' un momento di profonda crisi per il Milan, che dopo la brutta sconfitta rimediata nel derby della Madonnina, domenica sera, all'ultimo minuto con la rete messa a segno allo scadere da Icardi, è uscito nuovamente sconfitto nella gara interna di Europa League giocata due giorni fa a San Siro contro il Real Betis Siviglia.

Paolo Maldini e Leonardo hanno chiesto un cambio di mentalità all'intera squadra, la quale sarà impegnata domani alle ore 18:00 contro la Sampdoria.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Milan

Non ci sono alibi per Gennaro Gattuso, la sfida contro i blucerchiati sarà un test da superare a tutti i costi, cercando di riportare quell'entusiasmo giusto che a Milanello nelle ultime settimane è venuto a mancare.

Nelle ultime uscite stagionali la compagine rossonera ha sofferto molto sul piano difensivo, subendo tanti gol anche da squadre di bassa classifica. Inoltre, il grande acquisto estivo messo a segno dalla nuova dirigenza milanista, Gonzalo Higuain, non viene servito a dovere e fa molta fatica ad esprimere tutto il suo potenziale. In virtù di queste problematiche riscontrate nelle ultime due partite, Gennaro Gattuso sta pensando a un cambio di modulo.

Higuain-Cutrone potrebbero partire titolari contro la Sampdoria

Patrick Cutrone è senza dubbio il giocatore più in forma a disposizione di mister Gattuso. Il calciatore, classe '98, oltre a uno spiccato senso per il gol, ha mostrato grande grinta e determinazione ogni qual volta è stato chiamato in causa per risolvere la partita. L'attaccante rossonero potrebbe partire titolare al fianco di Gonzalo Higuain [VIDEO] nell'impegno pomeridiano di questa domenica contro la Sampdoria, avversario molto ostico sulla carta che non va assolutamente sottovalutato.

La scelta di impiegare le due punte potrebbe dipendere anche dal fatto che Calhanoglu e Kessie non sono ancora al top, pertanto nella sfida contro i blucerchiati molto probabilmente partiranno entrambi dalla panchina.

Sono quattro le reti messe a segno da Patrick Cutrone [VIDEO] dall'inizio del campionato. Considerando i pochi minuti giocati dal centravanti rossonero, 159' complessivi per la precisione, i suoi sono senza dubbio numeri di alto livello che fanno capire tutto il talento di cui dispone il centravanti. Giocare al fianco di Higuain dal primo minuto potrebbe essere un'ulteriore occasione per rilanciarsi e dare una grossa mano a tutta la squadra che ora più che mai ha bisogno dei gol degli attaccanti.