La testimonianza-confessione di Francesco Tedesco, uno dei tre carabinieri imputati nel processo per la morte di Stefano Cucchi, ha sicuramente dato una scossa mediatica al caso Cucchi. Infatti dopo l'ammissione del pestaggio, si sono moltiplicati gli attestati di vicinanza e solidarietà, soprattutto verso Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano che in questi nove lunghissimi anni, non ha mai arretrato di un centimetro alla ricerca della verità.

Vicinanza a Ilaria Cucchi dagli Ultrà Lecce

Anche a Lecce gli ultrà della squadra cittadina hanno voluto dimostrare la loro vicinanza alla sorella di Stefano con uno striscione esposto su una trafficata via: "Forza Ilaria Cucchi, con te fino alla verità".

Il mondo delle curve si era già espresso sul caso, in ordine di tempo prima di Lecce, gli ultras della Roma, dopo la proiezione del film documentario sugli ultimi giorni del geometra romano, avevano esposto uno striscione a Bologna: "Sulla mia pelle e nei nostri cuori, CUCCHI VIVE".

Lo scontro sui social: Ilaria Cucchi contro Salvini

Il dibattito su internet relativamente alla morte di Cucchi, si era sempre svolto tra chi incoraggiava Ilaria nella sua battaglia e chi, invece, assolveva a priori l'operato delle forze dell'ordine. Nei mesi scorsi, la presa di posizione del vicepremier Matteo Salvini, uno che sui social ha costruito gran parte dei suoi consensi, aveva infiammato il dibattito, creando di fatto una spaccatura tra quanti sostenevano Ilaria e tra quelli che invece l'accusavano di lucrare sulla morte del fratello.

Il ministro dell'interno, al culmine di un botta e risposta su Facebook con Ilaria aveva postato: "Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma mi fa schifo". Questo dopo aver rievocato l'uccisione del commissario Calabresi negli anni '70, avvenuta al culmine di una campagna di odio, alimentata dalla morte sospetta di un anarchico.

Adesso dopo la confessione del carabiniere che ha ammesso il violento pestaggio subito da Stefano, la situazione cambia radicalmente: Ilaria Cucchi, alle telecamere di Rainews24 chiama ancora in causa Salvini: "Oggi mi aspetto le scuse del ministro dell'Interno. A Stefano e alla nostra famiglia per tutto quello che ha sofferto". Il ministro risponde invitando al Viminale la famiglia Cucchi e promettendo la massima inflessibilità contro i militari che hanno commesso errori [VIDEO], ricordando però che non si può "mettere in discussione la professionalità e l'eroismo quotidiano di centinaia di migliaia di ragazze e ragazzi delle forze dell'ordine"