Il Genoa non ha più grandi obiettivi da raggiungere in questo finale di stagione, dunque Cesare Prandelli potrebbe concedere un'opportunità a quei giocatori con poco minutaggio sulle gambe.

Favilli e Lapadula scalpitano

Il tecnico ha dato l'impressione di voler dare spazio agli elementi rimasti ai margini della rosa per motivi differenti, come Gianluca Lapadula e Andrea Favilli. Un'operazione che l'ex tecnico della Nazionale italiana ha già avviato con Ervin Zukanovic e Perdro Pereira, due pedine molto vicine alla cessione che con l'arrivo di Cesare Prandelli hanno ritrovato spazio e minutaggio.

Come sottolineato da Il Secolo XIX, il bosniaco ha collezionato la bellezza di nove partite da titolare senza mai essere sostituito a gara in corso. Il portoghese, invece, si è ripreso il posto in maniera graduale, superando nelle gerarchie persino Biraschi.

Lapadula tradito da se stesso?

Sicuramente più complicate le situazioni di Gianluca Lapadula e Andrea Favilli, che dovrebbero togliere il posto ad uno tra Kouamè, Sanabria e Goran Pandev. Il baby talento della Juventus ha totalizzato appena cinque partite in questa stagione, l'ex Milan invece tre, di cui una in Coppa Italia. Proprio in Coppa il centravanti ha ritrovato il gol ma ha sbagliato anche il rigore decisivo che gli è costato la contestazione feroce dei tifosi nei suoi confronti.

Da quel momento Lapadula è completamente sparito dai radar. E' rimasto ai margini, senza più trovare spazio e declinando le opportunità in sede di mercato. Prandelli fin dal suo arrivo non gli ha chiuso la porta: "Prima però deve recuperare fisicamente e mentalmente".

Lapadula, un macigno economico per il Genoa

Un percorso lungo e tortuoso che potrebbe terminare a salvezza acquisita.

A quel punto, magari, potrebbe ottenere una nuova chance. Anche perchè in vista della prossima estate il Genoa spera di trovare una soluzione migliore per l'attaccante che continua a percepire 1,5 milioni a stagione. Numeri faraonici per un giocatore che in rossoblu è scivolato in fondo alle gerarchie. Da non dimenticare poi la fiducia che la società nutre nei confronti di Favilli, che in estate si mise in mostra con una tournèè da protagonista con la maglia della Juventus.

L'accordo prevede un esborso di cinque milioni di euro per il prestito e 7 milioni di obbligo di riscatto. Il Genoa ci crede e vuole puntare su di lui in futuro, nonostante i vari infortuni che lo hanno tenuto lontano dai campi. Quest'anno si è fermato proprio alla viglia della gara con l'Empoli, poco dopo la cessione di Piatek che poi è stato sostituito appunto con Sanabria. Il paraguaiano è andato subito in gol e adesso, nonostante un leggero rallentamento, si gioca le sue possibilità da titolare. Attenzione però alla concorrenza Favilli, che avrebbe confidato: "Ho la fiducia del mio allenatore. Prandelli mi ha dato qualcosa in più. Mi sono subito sentito vivo".

Segui la pagina Genoa
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!