La Juventus, ieri ha presentato alla stampa Adrien Rabiot, ultimo colpo a parametro zero di Paratici, considerato un affare da molti addetti ai lavori e tra questi c'è anche Michel Platini che, nell'intervista rilasciata a "La Gazzetta dello Sport", ha parlato dell'ex PSG e di altri temi caldi del calcio antico e moderno.

I francesi e la Juve

Ultimamente l'ex bianconero è salito agli onori della cronaca per la vicenda riguardante l'assegnazione dei mondiali al Qatar e mentre lui era preda di queste beghe giudiziarie, la dirigenza della Continassa ha trattato per accaparrarsi Rabiot un altro francese.

Il connubio Juve - Francia negli anni è stato sempre proficuo e lo dimostra lo stesso intervistato. All'epoca del suo approdo in bianconero, si conosceva poco la Vecchia Signora, poi forse anche grazie a lui questa è diventata famosa oltralpe. Rabiot è considerato dall'ex trequartista un giocatore importante che si annoia nel ruolo di regista perché predilige essere impiegato da mezzala in modo di avere l'opportunità di inserirsi in area e cercare il gol: "Un 8 vecchi tempi, una mezzala non un regista".

In mediana c'è anche un altro francese che è Matuidi, visto da rumors di mercato in partenza. Per l'ex presidente della Uefa, è un bravo giocatore anche lui, ma la sua permanenza dipenderà dal nuovo allenatore. Oggi il mondo del pallone è spaccata tra giochisti e risultatisti, ma per Platini questa dicotomia è inesistente perché tutti giocano per vincere. Per lui è inconcepibile che Cristiano Ronaldo o Giorgio Chiellini scendano in campo per puro divertimento.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Massimiliano Allegri è stato allontanato perché accusato di non fare il bel gioco, ma secondo l'ex dirigente forse era finito solo il suo ciclo. È ormai assodato che gli allenatori siano tutti ex, tranne alcuni come Ferguson.

I trascorsi

La Juve è in trattativa con l'Ajax per acquistare De Ligt, ma su questo giocatore non esprime alcun giudizio perché non lo conosce ed è scettico anche sul ritorno di Pogba.

Ripensando al suo passato in bianconero, ha ricordato che in quegli anni si è trovato in una squadra con sei campioni del mondo e Boniek. In quell'ambiente così passionale, lui ha portato un po' di leggerezza. Platini ha evidenziato che oggi per il 10 non c'è più lo spazio di un tempo e questa maglia ha preso il posto del 6 o dell'11. L'intervistato ai suoi tempi giocava dappertutto anche in difesa e poi bastava segnare per accontentare la dirigenza di allora: "Bastava far gol perché Boniperti e l'Avvocato non rompessero".

L'anno scorso anche per l'ex dirigente Uefa sembrava quello giusto affinché la Juventus vincesse la Champions, ma in questo torneo bastano pochi minuti di impasse ed è finita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto