Con l’esonero di Massimiliano Allegri e l’ingaggio di Maurizio Sarri, la Juventus ha voluto dare uno scossone al gruppo, ormai abitudinario. Il lavoro dell’ex Napoli e Chelsea, solo dopo due giornate di A, sta cominciando a dare i suoi frutti, di fatti alcuni giocatori sembrano rivitalizzati. Fin dalla conferenza d’investitura il tecnico di Valdarno ha indicato le pedine sulle quali sarebbe stato imperniato il suo progetto e tra questi ha citato Cristiano Ronaldo, in primis, e Douglas Costa.

Il lavoro dell’ex banchiere solitamente rende più prolifici gli attaccanti, ora la scommessa fatta al pianeta bianconero è quella di far superare altri record a CR7.

La promessa

Perseguendo la scia adottata con Gonzalo Higuain quando al Napoli ha segnato 36 gol nella stagione 2015-2016, ora con il bomber di Madeira vorrebbe alzare ulteriormente l’asticella e a tal proposito gli ha fatto una promessa: “Voglio farti segnare più di 40 gol in questa stagione”, questa la dichiarazione rilasciata a Tuttosport.

Il lusitano nel nuovo assetto tattico sembra trovarsi più a suo agio tanto che nelle prime due giornate è andato a segno sia con il Parma (il gol è stato annullato) che con il Napoli senza dimenticare la rete segnata con il Portogallo nella gara valida per la qualificazione a Euro 2020 contro la Serbia. CR7 nello scacchiere di Sarri parte da sinistra, rientra appena in difesa e poi spazia su qualsiasi punto dell’attacco. Il centravanti che gli apre gli spazi a è Gonzalo Higuain, anch’egli rianimato dalla cura del suo mentore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Gli effetti della cura

Douglas Costa, dopo aver trascorso l’annata 2018-2019 tra squalifiche e infortuni, sembra rinato e desideroso di riprendersi la Juve, la quale lo vedeva già come uno dei possibili partenti. Innanzitutto il brasiliano si è tagliato le vacanze ed è tornato in anticipo alla Continassa per sottoporsi ad un lavoro di potenziamento per il polpaccio, suo tallone d’Achille. La didattica di Sarri sembrerebbe calzargli a pennello perché lui sa come stimolare i giocatori tecnici.

In allenamento oltre agli esercizi fisici, dà molto valore a quelli con la palla. Il ventottenne starebbe ritornando ai livelli dei tempi di Shaktar Donetsk e Bayern Monaco durante la gestione Guardiola, infatti le prime due di campionato sono state un crescendo in cui sono venuti fuori i colpi del suo repertorio: scatti con picchi di velocità a 30 Km/h, coast to coast come quello che ha favorito il gol del 1-0 di Danilo Luiz contro il Napoli, frenate da calcetto, dribbling.

Anche su di lui il tecnico ha fatto la scommessa di trasformarlo in un’ala capace di andare in doppia cifra.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto