Alessandro Altobelli, in arte “Spillo”, parla di Inter e lo fa analizzando presente e futuro, strategie di mercato e non solo. L’ex attaccante con ben undici stagioni in nerazzurro dal 1977 al 1988 alle spalle, ha la squadra milanese nel cuore e sogna, da tifoso, un grande futuro da costruire con Zhang alla scrivania e Lautaro Martinez in campo. Le sue idee sono state raccolte in una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport pubblicata oggi dal quotidiano “rosa”.

Altobelli: 'Lautaro resti all’Inter'

Nell’analisi del momento dell’Inter, Altobelli parte proprio da Lautaro Martinez ed esalta il talento argentino: “Per me vale Neymar, e mi sento di digli di restare qui perché i nerazzurri sono tornati un club che vuole vincere”.

Il problema è che il Barcellona insiste anche se, per ora, non riesce a fare breccia, il perché lo spiega proprio Altobelli: “L’Inter può permettersi di rifiutare qualsiasi offerta, anzi è in grado di comprare chiunque, quindi se Luataro vuole giocare con Messi perché i nerazzurri non chiedono a Leo di venire a Milano?”.

Altobelli sogna in grande e lo fa grazie alla presidenza Zhang: “Non ha problemi finanziari di alcun tipo e lo dimostra il fatto che l’Inter la scorsa estate ha speso tanto”. Spillo nella vita faceva l’attaccante quando ancora solcava i campi di Serie A e non solo, quindi non si può esimere dal rispondere ad una domanda su Romelu Lukaku: “All’inizio c’erano delle perplessità su di lui, ma non per me.

Lo ho seguito in Inghilterra, è bravo in area di rigore, velocissimo e impossibile da fare palla al piede. E poi si è dimostrato un grande professionista, un atleta a disposizione della società”.

Fasce dell’Inter da migliorare secondo Altobelli

Lukaku e Lautaro Martinez perni dell’Inter del futuro secondo Altobelli che individua un solo neo nella rosa nerazzurra: “Se devo individuare un punto da migliorare indico le fasce; in difesa, invece, ci sono giocatori che farebbero i titolari in club di livello europeo”.

Ultimamente la squadra di Conte ha fatto fatica, staccandosi anche da Juve e Lazio nella corsa Scudetto: “ma Conte ha fatto un gran lavoro – spiega Altobelli – perché il gap con la Juventus era importante se ripensiamo alle stagioni scorse, loro hanno tante armi e una rosa lunghissima, eppure fino alla sconfitta di Torino l’Inter era in scia in classifica”.

E proprio con l’analisi sulla corsa Scudetto si conclude l’intervista di Altobelli alla Gazzetta dello Sport di oggi: “È un peccato perché prima dello stop c’era tanto equilibrio e guai a chi dice che la Lazio è stata una sopresa, Lotito sarà anche antipatico, ma ci sa fare. Per me la sorpresa era quando negli anni passati chiudeva le stagioni con tanti punti di distacco dalla vetta”.

Segui la pagina Inter
Segui
Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!