L'eliminazione europea contro il Porto da parte della Juventus è stata l'argomento di discussione degli ultimi giorni sui media sportivi e anche in diversi format a sfondo calcistico. Pure su Twitch, nel canale 'Bobo Tv' (gestito da Christian Vieri), alcuni ex giocatori hanno discusso dell'eliminazione bianconera dalla Champions League, fra essi oltre a Vieri, anche Antonio Cassano, Daniele Adani e Nicola Ventola.

Il più critico nei confronti della Juventus è stato l'ex giocatore Antonio Cassano, il quale ha voluto giustificare gli errori di Cristiano Ronaldo criticando invece la società bianconera.

Secondo Cassano il problema principale sarebbe il fatto che non è stata costruita negli anni dalla Juve una squadra a livello delle big europee, facendo intendere che Ronaldo deve essere accompagnato da giocatori di personalità. Proprio l'assenza di giocatori di livello internazionale sarebbe stata quindi - a suo avviso - la causa della disfatta europea della Juventus. Cassano ha voluto porre la differenza fra Ronaldo e la società bianconera: da una parte c'è un giocatore vincente in Europa, dall'altra una squadra che da 25 anni fallisce in Champions League.

Secondo Antonio Cassano la Juventus non avrebbe lo status delle grandi squadre europee

Antonio Cassano non ha risparmiato critiche alla Juventus.

A Bobo Tv ha difeso la prestazione non ideale di Cristiano Ronaldo contro il Porto, aggiungendo: "CR7 e Juventus sono diversi, uno è il re di Coppa, l'altra da 25 anni fallisce sempre in Champions League".

Secondo l'ex giocatore barese la squadra bianconera non avrebbe lo status delle big europee, ha poi aggiunto che in Italia ci accontentiamo di vincere dieci scudetti a febbraio.

Secondo Cassano il calcio italiano è rimasto a 15-20 anni fa, quando in Europa dominava il Milan di Carlo Ancelotti, anche se si è trattato di "un fuoco di paglia".

Poi ha aggiunto: "La Juventus può continuare a vincere nel campionato italiano perché ha risorse economiche importanti". Prima di concludere con una provocazione: "Come mai in Europa non vincono?".

La Juventus e il progetto avviato dalla scorsa estate

Le disfatte europee della Juventus in questi anni hanno portato la società bianconera a cambiare strategia di mercato rispetto al passato. Dopo la finale di Champions League persa contro il Real Madrid nel 2017, la società bianconera aveva deciso di investire su giocatori d'esperienza: nel 2018 è stato acquistato Cristiano Ronaldo, investimento che non ha ripagato in termini sportivi, almeno in ambito europeo. La Juventus - con il portoghese in campo - ha infatti raggiunto negli ultimi tre anni i quarti di finale nel 2019 e gli ottavi di finale di Champions League sia nel 2020 che nel 2021.

Dallo scorso anno il club bianconero ha deciso di intraprendere un progetto basato sui giovani, che ha portato i vari Kulusevski, Arthur Melo, McKennie e Chiesa a giocare Torino. Un mercato che potrebbe dare i frutti nei prossimi anni.