Rientrando a pieno titolo nella voce "ristrutturazione edilizia", fino al 31 dicembre 2014, l'installazione d'impianti fotovoltaici presso le abitazioni private, intesi anche come condomini o cooperative e quindi contribuenti Irpef, ma non come aziende o attività di tipo commerciale, prevede, per coloro che intendono usufruirne, la possibilità di ottenere la detrazione fiscale del 50% da parte dello Stato, che rimborsa la metà della spesa da sostenere necessaria per creare il nuovo impianto sul tetto di casa, e non il 36% com'era previsto prima dell'anno in corso e come sarà di nuovo, probabilmente, negli anni a venire.

Niente più incentivi ma il rimborso del 50% delle spese tramite sgravi fiscali

In maniera pratica, quindi, non risultano più in vigore le tariffe incentivanti, che permettevano di avere incentivi per l'energia che si produce in maniera alternativa, ma il rimborso del 50% delle spese, che viene effettuato, nei dieci anni successivi all'installazione, mediante sgravi fiscali: si sottolinea quindi che non vi è un rimborso in denaro immediato.

Sommandosi all'Iva del 10% e non 23%, come previsto per le abitazioni ad uso privato che effettuano ristrutturazioni e recuperi edilizi, la detrazione Irpef valida per tutto l'anno in corso al 50% è applicabile ad una somma di denaro che prevede il suo massimo prefissato a 96.000 Euro, purché l'impianto fotovoltaico non superi la potenza di 20Kw, che in quel caso non viene più considerata come energia utilizzabile da abitazioni ad uso privato, ma commerciali e di conseguenza non può più usufruire della detrazione, della quale possono godere non solo i proprietari dell'immobile stesso, ma anche coloro che lo abitano o lo hanno in comodato d'uso, quindi compresi anche gli inquilini.

Come ottenere la detrazione

Per ottenere il diritto alla detrazione, colui che decide di far eseguire i lavori, dopo aver comunicato agli enti competenti, in questo caso l'Asl, l'inizio degli stessi, dovrà effettuare tutti i pagamenti in modalità tracciabile, quindi mediante bonifico, indicando tutti i dati che competono a colui che fa e colui che riceve il pagamento, indicando anche i dati di riferimento del decreto legge che stabilisce la detrazione.

Infine, al momento della dichiarazione dei redditi, saranno forniti all'Agenzia delle Entrate tutti i documenti necessari richiesti e i dati sull'immobile.

Quindi, anche per questo 2014, l'installazione di un impianto fotovoltaico risulta essere una scelta che alla fine si rivela sicuramente vantaggiosa da effettuare soprattutto entro quest'anno: si prevede, infatti, che la detrazione sarà decrementata al 40% l'anno prossimo per tornare poi nel 2016 al 36%, com'era in precedenza per questa tipologia di ristrutturazioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto