Amanda Knox, come riportano alcuni organi di stampa, avrebbe avuto rapporti sessuali con uno spacciatore di cocaina che frequentava un uomo che ha accoltellato il fratello 16 volte. Le rivelazioni arrivano proprio quando la Knox sta preparando l'ultima difesa mediante l'appello contro la condanna a 28 anni di carcere per l'omicidio della studente inglese Meredith Kercher, avvenuto a Perugia nel 2007 in collaborazione con il suo ex fidanzato Raffaele Sollecito condannato pure lui in un processo separato.

I rapporti fra lo spacciatore e la Knox non sono mai stati menzionati durante il processo in Italia, ma la rivista "Giallo" ha riferito che nel gennaio 2008, gli investigatori della polizia vennero a conoscenza di un rapporto di "presunta natura sessuale" della Knox con un uomo che si faceva chiamare 'F', che aveva venduto la droga alla studentessa statunitense.

"Giallo" ha scritto che 'F' era uno studente di psicologia di Roma che conosciuto Knox su un treno da Milano a Firenze ed il suo numero è stato poi effettivamente trovato sul cellulare di Amanda Knox e che quindi si presume che i due erano in contatto anche prima che si consumò l'omicidio della Kertcher.

Dopo aver trovato il numero sul telefono della Knox, la polizia ha avviato una caccia all'uomo che fu condannato che fu poi processato per spaccio di cocaina. Inoltre, "Giallo" ha riportato che nei rapporti della polizia si parla di un secondo uomo di nome Luciano - un socio di 'F' -che era stato arrestato per aver tentato di uccidere nel mese di luglio 2006, il fratello con un coltello da cucina nel corso di una disputa per una questione di soldi e spaccio di droga.

La Knox inizialmente aveva detto agli investigatori di essere stata presente nella notte in cui Kercher è stata uccisa, accusando per l'omicidio il barman Patrick Lumumba per l'omicidio. Dichiarazione poi ritrattata sostenendo che era stata messa sotto pressione dall'interrogatorio della polizia.

Il magistrato che ha gestito le indagini, Giuliano Mignini, ha dichiarato: "Abbiamo tre versioni, una delle quali è definitiva e siamo nelle fasi finali del processo - questo non cambierà nulla".

Mignini ha dichiarato inoltre di essere a conoscenza del presunto legame della Knox con 'F' ritenendo che tutte le notizie che stanno venendo fuori, erano già emerse durante il processo.

Gli avvocati di Amanda infine, hanno escluso novità su presunti legami di droga della Knox e si sono scagliati contro chi ha provato ad utilizzare la via della droga per rafforzare un tentativo di estradare la ragazza dagli Stati Uniti: "L'acquisto di farmaci non sarebbe un motivo sufficiente per estradare qualcuno", ha fatto sapere una fonte legale.