Trent'anni da innocenti in carcere; non è una sceneggiatura di un film, ma una storia vera. Siamo nel 1983 in America, nel Nord Carolina e Sabrina Buie, una ragazzina di soli 11 anni, viene orrendamente stuprata ed uccisa. Pochi giorni dopo due ragazzi di 19 e 15 anni confessano l'atroce delitto. Si chiamano Henry McCollum e Leon Brown, sono fratellastri, con un basso livello di istruzione, entrambi portatori di handicap e di pelle nera. I colpevoli perfetti. Vengono prima entrambi condannati a morte e successivamente in un secondo processo il più giovane "solo" all'ergastolo. Un carcere di massima sicurezza è la loro casa per trent'anni; diventano uomini senza vivere le emozioni e i sentimenti di ogni persona, fino a quando la prova del DNA li scagiona senza alcun ombra di dubbio.

Non sono loro i colpevoli.

Il DNA trovato accanto al corpo della ragazzina non è il loro, ma appartiene ad un terzo uomo, che sta scontando l'ergastolo per uno stupro ed un omicidio avvenuto poco meno di un mese dopo rispetto a quello di Sabrina, con le stesse atroci modalità d'esecuzione. Il giudice Douglas Sasser dopo avere esaminato nuovamente il caso non ha avuto alcuna esitazione; i due fratellastri sono stati immediatamente scagionati e presto potranno tornare in libertà e riprendere a vivere. Sono entrati in carcere da ragazzini; ne escono innocenti a cinquanta e quarantasei anni. I legali dei due fratelli sono stati ovviamente contenti dell'imminente liberazione, ma hanno rivelato che all'epoca Henry e Leon furono costretti a confessare e vista la loro scarsa capacità di discernere, non deve essere stato difficile obbligarli a dichiarare il falso.

E' difficile comprendere quale sia la molla che possa spingere due persone colpite da un'ingiustizia così forte a continuare a sperare e a guardare il futuro con ottimismo, ma le prime parole di Henry e Leon mettono nuovamente i brividi: " Abbiamo aspettato tanto questo momento. E' stato difficile sopportare la situazione, ma abbiamo sempre avuto fede e sperato che questo giorno arrivasse".

Segui la nostra pagina Facebook!