Il cane Excalibur potrebbe essere ancora vivo. Per chi non lo sapesse, Excalibur è il cane dell' infermiera di Madrid che ha contratto l'Ebola nell'ospedale La Paz Carlo III di Madrid, nel quale lavora. Il povero Excalibur era già stato dato per morto dal quotidiano on-line El Mundo, soppresso dalla clinica veterinaria dell'Università di Madrid, ma poco dopo lo stesso giornale affermava che non ci fosse ufficialità della notizia.

Le testimonianze

Secondo gli attivisti del Partito Animalista Spagnolo (Pacma), il cane si troverebbe ancora sul balcone della casa in cui vive l'infermiera Teresa Romero Ramos insieme al marito, nessuno lo avrebbe ancora prelevato. Identiche dichiarazioni da parte di una vicina di casa e di un pompiere.

Il tentativo di salvarlo

A chiedere la salvezza per il cane sarebbe stato in primis il marito della donna, Javier Limon Romero, attualmente tenuto sotto osservazione poiché a rischio contagio.

Sotto l'appartamento della coppia, una mobilitazione di attivisti accompagnata da gente comune si è riunita per evitare che le autorità possano prelevare Excalibur e per cercare di portare il caso all'attenzione dei media. Nel frattempo su internet si moltiplicano i post a richiesta di salvezza per l'animale. Su Twitter già spopola l'hashtag #SalvamosAExcalibur. Aperta anche una petizione on line sul sito change.org per chiedere di mantenere l'animale in quarantena per verificane l'effettivo contagio ed evitare di sopprimerlo senza motivo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tecnologia

Contagio animale

Resta anche da chiarire se i cani siano a rischio contagio Ebola o meno, in quanto i pareri tra gli esperti sarebbero molto discordanti. Nei paesi in cui l'Ebola si sta propagando non è mai stato documentato il contagio attraverso i cani. Non esiste uno studio che accerti il passaggio del virus dall'uomo ai cani e viceversa. Da ricerche effettuate su sangue canino in Africa risulta che animali esposti al virus non hanno contratto l'Ebola e solo in piccola percentuale hanno avuto reazioni immunitarie.

Ad ogni modo, al momento non si ha certezza che l'animale sia salvo o sia stato soppresso, in quanto manca ancora una risposta ufficiale da parte delle autorità spagnole.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto