L'ebola, la malattia infettiva proveniente dai paesi occidentali dell'Africa, è arriva anche in Europa. Il primo contagio si è registrato in Spagna dove una giovane infermiera è stata infettata. La donna, le cui generalità non sono state rese note da parte delle autorità spagnole, è stata sottoposta a ben 2 test ed è risultata positiva ad entrambi. Non ci sarebbero quindi dubbi sulla diffusione della malattia avvenuta anche in Europa. L'infermiera è stata immediatamente isolata e sono state avviate le procedure previste nei casi di diffusione di grave malattia infettiva. L'infermiera avrebbe contratto l'ebola dopo aver curato Manuel Garcia Viejo, l'uomo morto a Madrid lo scorso 25 settembre a causa della malattia africana contratta in Sierra Leone.

Il caso, avvenuto lo scorso lunedì ma reso noto dopo oltre 24 ore, ha suscitato allarmismo nel paese ed anche in Europa tanto che il Ministro spagnolo della Salute ha indetto un gabinetto di crisi per analizzare la situazione e verificare se vi è un reale pericolo di contagio in tutta la Spagna. In Spagna sono già morte 2 persone per l'ebola, due uomini che avevano però contratto la malattia infettiva nei paesi dell'Africa occidentale dove si erano recati per missione. L'inferimera risulta essere la prima europea ad aver contratto la malattia nel proprio paese.

In realtà esiste un caso dubbio in Olanda dove un giovane avrebbe accusato dei malori simili a quelli causati dalla malattia contagiosa. Dai test effettuati però non è emerso nulla. Il giovane quindi non risulta essere contagiato dall'ebola anche se le autorità di competenza non abbassano la guardia e continuano a monitorare il giovane olandese.

La diffusione della malattia sta avvenendo ormai in tutti i paesi dell'occidente tanto che i 'potenti' hanno iniziato a convocare riunioni ed incontri straordinari pur dichiarando che la situazione è sotto controllo.

Lo stesso presidente degli Stati Uniti avrebbe detto che non c'è un reale pericolo di contagio generale tanto che non ha ancora interdetto i voli provenienti dall'Africa.

Segui la nostra pagina Facebook!