Fortunatamente il pericolo è scongiurato, grazie all'intervento di alcuni genitori e delle Forze dell'Ordine, un uomo si era intrufolato in una Scuola di Napoli, l'Istituto Ada Negri delle Case Nuove e si era nascosto nei servizi igienici, era armato di pistola e minacciava i ragazzini. Il personale di servizio all'interno della scuola si è accorto di questa presenza estranea ed ha subito fatto intervenire la Polizia. Immediatamente una pattuglia dell'Ufficio Prevenzione Generale della Polizia di Stato, agli ordini del Primo Dirigente Michele Spina, è intervenuta sul posto, mettendo subito agli arresti l'uomo, il quale è poi risultato essere un anziano ed ora si trova in Questura per essere sottoposto ad interrogatorio.

In precedenza l'uomo era stato visto nella giornata di venerdì, aggirarsi nei bagni della scuola da alcuni idraulici che stavano eseguendo lavori di riparazione e gli avevano intimato di allontanarsi. Questa mattina è stato di nuovo intercettato dal personale scolastico e alcuni genitori gli hanno chiesto: 'Che ci fai qua?', l'uomo si è subito dato alla fuga, inseguito immediatamente dagli stessi genitori fino a Via S.Cosmo nei pressi di Porta Nolana, a quel punto l'anziano individuo, ha estratto una pistola dalla tasca, ma è stato repentinamente disarmato dagli inseguitori.

Una delle mamme presenti ha dichiarato che nell'arma c'erano ben 12 cartucce di cui una era già inserita in canna e pronta a fare fuoco. I genitori hanno subito aggredito l'uomo e solo l'intervento delle Forze dell'Ordine ha evitato il linciaggio. L'anziano è stato ammanettato e condotto in Questura, dove dovrà rispondere all'interrogatorio e spiegare perché si trovava all'interno di una scuola, con una pistola e con il colpo in canna.

Il fatto è abbastanza grave, se consideriamo che secondo alcune testimonianze, l'intruso si è presentato indisturbato, all'interno dell'Istituto Scolastico più di una volta, mettendo in serio rischio l'incolumità di tutti i ragazzi e mettendo in discussione ancora una volta la sicurezza dentro le scuole.

Segui la nostra pagina Facebook!