Spesso la realtà riesce a superare i più raccapriccianti film horror, che di pellicole assurde, disgustose e disumane ce ne propongono ormai da decenni. Anche se ormai l'horror non è più d'autore da tempo, proponendo soprattutto pellicole Splatter; che cercano di impressionare lo spettatore a colpi di sangue che scorre a fiumi. Ne abbiamo viste di tutti i colori: vampiri, zombie, demoni, fantasmi, mummie, bambole assassine. E c'è chi ha pensato di accorpare questi due ultimi mostri, riesumando cadaveri e facendone bambole da esporre.

Certo, ognuno ha i suoi hobby e forse già un uomo che colleziona bambole può risultare strano. Figuriamoci che ne crea riesumando cadaveri di bambine, imbalsamandole ed esponendole a mo' di bamboline. E' il caso di Anatoly Moskvin, russo, a cui la polizia ha fatto visita facendo una macabra scoperta.

Nella casa di Moskvin sono stati trovati infatti numerosi corpi di bambine, di un'età massima di 12 anni, che erano state tolte dalle loro tombe e mummificate. A diffondere la notizia i giornali locali, con il Ministero degli interni russo che ha perfino diffuso le immagini della casa degli orrori.

L'uomo - se così possiamo ancora chiamarlo - prelevava i cadaveri delle bambine dalle loro tombe, li portava a casa, li imbalsamava a mo' di uccello e poi le vestiva con abitini per bamboline. Una di loro è stata addirittura vestita da "Teddy Bear", l'amico orsetto con cui dormono migliaia di piccoli bambini. Magari usandola anche per andare a letto, e dormire sogni tranquilli. Famigerati "sogni d'oro".

Ora l'uomo è stato rinchiuso, ovviamente, in una clinica psichiatrica e bisognerà capire cosa lo ha portato a compiere tali atrocità. Magari un trauma da piccolo, o la perdita prematura di una figlia, o la passione per le bambole spinta ad averne sempre più realistiche. Magari qualche regista deciderà di prendere spunto per un prossimo film. Intanto noi, che ogni volta crediamo di averle lette tutte, poi scopriamo, con notizie come questa, che ci aspetta ancora altro…

Segui la nostra pagina Facebook!