Emergono news clamorose per quanto riguarda il caso di Elena Ceste, la mamma di Costigliole D'Asti uccisa qualche mese fa, non si sa ancora per quale motivo. Ieri sera, nel corso della trasmissione "Quarto Grado" si è fatta una nuova e sconvolgente ipotesi: il marito della vittima, Michele Buoninconti, principale sospettato dell'omicidio, pare abbia un'amante. Quarto Grado ha vagliato le testimonianze di un certo Vito, ma non le ha ritenute del tutto affidabili. 

Ultime news Elena Ceste, Michele Buoninconti aveva un'amante?

La puntata di "Quarto Grado" del 14 novembre ha fatto emergere numerose novità sul tanto spinoso caso di Elena Ceste.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Gli esperti in studio hanno cercato di capire cosa possa essere successo alla mamma di Costigliole D'Asti e hanno portato alla luce un'ipotesi che potrebbe veramente dara una svolta significativa alle indagini.

Sono state infatti verificate le dichiarazioni di un certo Vito, che ha affermato che il marito di Elena Ceste, Michele Buoninconti, aveva un'amante segrete. Il testimone ha aggiunto che la moglie aveva scoperto tutto. Vito è stato intervistato a lungo dal giornalista, che alla fine, però, ha dubitato fortemente delle sue testimonianze. Il racconto del testimone, infatti, che ha dichiarato di avere parlato in chat con Elena Ceste, non coincide del tutto con quanto verificato personalmente dal giornalista di Quarto Grado, il quale ha consultato il sito della chat, registrando numerose incongruenze. 

Ultime news Elena Ceste, Michele aveva accesso al sito Facebook della moglie

I giornalisti di "Quarto Grado" non ritengono dunque decisiva la testimonianza di Vito, che non darebbe una svolta al caso.

I migliori video del giorno

Hanno invece dimostrato che Michele aveva accesso al sito Facebook della moglie e che rispondeva costantemente di nascosto agli amici di Elena Ceste, spacciandosi per lei. Ecco perchè gli esperti di "Quarto Grado" ritengono che la causa principale dell'omicidio sia stata l'ossessiva gelosia dell'uomo, che aveva accesso anche al telefonino della moglie.