Sono arrivate nel corso della nuova puntata di Pomeriggio Cinque nuove importanti notizie riguardanti il caso della scomparsa e della successiva morte di Elena Ceste, donna piemontese trovata da poche settimane a pochi chilometri da casa. Durante il programma è stato infatti intervistato in esclusiva Antonio, detto Tony, quarantaquattrenne meccanico di Settimo Torinese accostato nelle ultime ore alla figura di Elena. L'uomo ha raccontato di conoscere la Ceste dagli anni 90 a causa di una amicizia con il cognato della donna e sottolinea di essere stato contattato dalla stessa nel 2012.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Antonio parlava molto con Elena Ceste tramite Facebook ma la donna sembra avergli sempre confidato di essere felice e serena. Michele è sempre stato descritto come un marito attento ed innamorato ma la domanda principale dell'intervista è quella relativa ad una possibile relazione tra i due.

Antonio smentisce queste voci ma ammette di essere stato due volte a casa di Elena Ceste mentre il marito era al lavoro (marzo ed aprile 2013). I due sembrano però essersi incontrati solamente nel ruolo di amici e Tony sottolinea come durante le due mattinate ci furono solo lunghi dialoghi e confidenze. I contatti tra i due si sono stati poi interrotti da Elena Ceste verso agosto 2014 a parte un messaggio di auguri spedito al meccanico durante i primi giorni del nuovo anno.

Elena Ceste notizie: stop alle ricerche nei pressi del canale di scolo

Nel frattempo il lavoro degli investigatori e delle forze dell'ordine nei pressi del terreno in cui è stato ritrovato il corpo di Elena Ceste sembra essere terminato con il ritrovamento di ulteriori piccoli resti del corpo della vittima.

I migliori video del giorno

Analizzando la dinamica e la posizione del corpo è inoltre stato confermato che l'omicidio della donna è avvenuto in un secondo luogo. Per scoprire ulteriori novità non resta che attendere gli esiti dei numerosi esami effettuati sui resti del corpo della vittima ed attendere nuove testimonianze dei principali "protagonisti" del caso.