Sono arrivate nel corso del pomeriggio di ieri, mercoledì 12 novembre 2014, importanti novità sui casi di Yara Gambirasio e Roberta Ragusa. Se nel primo caso sono arrivate le smentite dell'investigatore privato di Bossetti riguardo le 9 ferite ritrovate sul corpo di Yara, al secondo mistero è stato aggiunto un nuovo tassello. Ecco gli ultimi aggiornamenti al 13 novembre.

Caso Yara Gambirasio news: Ezio Denti smentisce ufficialmente l'ipotesi della rivista "Oggi"

Novità molto interessanti in arrivo dal caso legato alla morte di Yara Gambirasio. Nella giornata del 10 novembre 2014 la rivista "Oggi" aveva infatti lanciato una nuova sconvolgente ipotesi: secondo alcune analisi delle 9 ferite trovate sul corpo della ragazza sembrava infatti che le armi del delitto fossero ben 3: un coltello a serramanico, un'arma con punta a scalpello ed un coltello cutter.

L'ipotesi aveva dunque aperto nuovi scenari come quello del possibile impiego di ben due assassini ma, nel corso della puntata di Pomeriggio Cinque del 12 novembre, è arrivata la pronta smentita di Ezio Denti, investigatore privato del collegio difensivo di Massimo Bossetti. L'uomo ha smentito la notizia ed ha sottolineato come le indagini sul corpo di Yara abbiano dimostrato che l'arma del delitto è solamente una. Nel frattempo rimangono numerosissimi misteri legati alla morte della ragazza come ad esempio le tracce di materiale edile ritrovate nei polmoni di Yara o i 10 capelli (il DNA non è stato riconosciuto) posizionati sul corpo della giovane vittima.

Caso Roberta Ragusa: un biglietto della donna ne definisce il profilo psicologico

Importanti novità legate anche al caso Roberta Ragusa; nelle ultime ore è infatti emerso un biglietto che la donna ha inviato alla cugina in occasione della nascita del figlio.

I migliori video del giorno

Roberta si complimenta e definisce l'avvenimento come l'avventura più bella della vita da vivere con tutto l'amore possibile. Che il biglietto torni utile agli investigatori per definire ulteriormente il profilo psicologico della vittima?