Difendere a 23 anni le proprie amiche è un bellissimo gesto, ma ricevere un pugno e morire dopo settimane di coma, lascia increduli tutti per come la vita sia davvero beffarda. Quanto accaduto in Germania, pochi giorni fa, ha visto coinvolta una ragazza, Tugce, di appena 23 anni, la quale per difendere le sue amiche molestate da un gruppo di bulli, ha ricevuto un pugno che l'ha stesa a terra riducendola in fin di vita.

Inutile, infatti, la corsa in ospedale e i soccorsi prestatigli dall'equipe medica, la giovane è entrata in coma non risvegliandosi più.

Tugce, quel pomeriggio si trovava in un Mcdonald's e d'improvviso recandosi in bagno non ha esitato a compiere il gesto di difendere le coetanee. Ma purtroppo all'uscita del locale c'era ad attenderla un diciottenne che ha messo fine alla sua breve vita. Tugce avrebbe compiuto gli anni proprio lo stesso giorno in cui i genitori hanno deciso di spegnere le macchine che la tenevano in vita, dopo esserle stata dichiarata la morte cerebrale.

Uccisa per due volte

Quanto accaduto si copre di una grande tristezza, Tugce è stata uccisa due volte, sia dal pugno inferto con violenza, sia dall'indifferenza dei dipendenti del locale, i quali non hanno compiuto alcun gesto per intervenire.

Intanto anche le due ragazze che sono state difese dalla vittima, sono scomparse dal giorno dell'aggressione, utile sarebbe la loro testimonianza per ricostruire la vicenda e fare luce sui responsabili.

Un eroina da seguire per il coraggio

Tugce oggi non c'è più, quello che per lei doveva essere un pomeriggio spensierato si è trasformato in un incubo, a breve avrebbe compiuto gli anni ma nessuno avrebbe mai osato pensare che la sua giovane vita si sarebbe potuta spezzare cosi.

La Germania intera la piange, in tanti manifestano vicinanza e solidarietà alla famiglia, organizzando fiaccolate e inviando numerosi messaggi tramite i vari social network definendola "L'Angelo del fast food". Un esempio di coraggio civile che difficilmente passerà inosservato, ma che speriamo possa servire ad evitare il ripetersi di certe situazioni, assicurando maggiore vigilanza.

Segui la nostra pagina Facebook!