Leggere email può costare veramente caro. E' l'esperienza che è toccata ad un imprenditore canadese, Jeremy Gutsche, che si è ritrovato a pagare circa 960 euro. Tutto è successo perché, in volo da Londra a Singapore, l'uomo ha deciso di utilizzare il wi-fi a bordo dell'aereo. Il manager ha spiegato di aver visitato soltanto 155 pagine web, soprattutto per controllare i messaggi di posta. Anche se la connessione era abbastanza lenta, non immaginava di ricevere un conto così alto. Eppure alla fine si è ritrovato a spendere veramente tanto, nonostante avesse acquistato un pacchetto da 30 dollari, per avere la possibilità di utilizzare internet a bordo dell'aereo. Certamente la connessione non era delle migliori, perché lo stesso Gutsche ha spiegato che per caricare una presentazione in Power Point richiedeva il tempo di un'ora. Soltanto inviare un messaggio di posta elettronica ai suoi colleghi, spiegando l'invio del documento, avrebbe comportato il costo di 8 euro.



Secondo l'imprenditore, non è corretto far spendere tanti soldi per utilizzare la connessione alla rete durante un volo in aereo. I soldi, come egli stesso ha dichiarato, avrebbero potuto essere spesi per altro, anche per un biglietto aereo. E' come se l'uomo avesse acquistato un biglietto aereo, che alla fine ha pagato molto più di quanto aveva previsto. Gutsche ha preso la vicenda con un po' di ironia, anche se non nasconde la rabbia relativa soprattutto alla mancanza di informazione su dei costi di questo tipo. La compagnia aerea Singapore Airlines, di cui fa parte l'aereo, su cui ha viaggiato l'imprenditore, non ha ancora rilasciato dichiarazioni in merito alla situazione. Comunque, visitando il portale della compagnia aerea, si può vedere benissimo come sia messa in evidenza la pubblicità del wi-fi a bordo, che, secondo i messaggi riportati nel sito, prevede un pagamento basato sul volume di traffico oppure a tempo. Evidentemente, però, le promesse non corrispondono ad un costo basso. Quindi è meglio stare attenti nell'usare un servizio di questo genere.
Segui la nostra pagina Facebook!