Dopo una lite il signor Luciano Zironi ha un colpo di testa, prende la pistola e spara alla moglie uccidendola. Avevano 79 anni ed erano sposati da quando ne avevano 19: i loro sono stati 60 anni di matrimonio felice e tranquillo, dice chi li conosceva. La tragedia è successa proprio nel giorno in cui tutto il mondo si celebrava la giornata contro i femminicidi e per l'eliminazione della violenza contro le donne: l'uomo colpevole del fatto, Luciano Zironi, è stato immediatamente arrestato e interrogato per tutta la notte al commissariato di polizia.

La signora Bruna Belletti - moglie dell'omicida - è stata freddata con un colpo di pistola dal marito, ex impiegato di banca, in seguito a un litigio avvenuto nella loro abitazione di via San Donato a Bologna: l'uomo era appassionato di armi da fuoco e ne possedeva legalmente ben 6 con le quali andava periodicamente ad esercitarsi al poligono. Proprio una delle pistole in suo possesso è stata utilizzata per commettere l'assassinio dopo il quale lo stesso Zironi aveva chiamato i soccorsi.

Secondo la ricostruzione effettuata dal pubblico ministero Marco Mescolini grazie alle ammissioni di Zironi, nel tardo pomeriggio di ieri - verso le ore 18 - marito e moglie avrebbero iniziato una lite furiosa nel loro appartamento, poi degenerata per concludersi con il triste epilogo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Salute

Lo stesso Luciano Zironi in un momento di lucidità si sarebbe successivamente preoccupato di contattare le forze dell'ordine per confessare l'omicidio, raccontando lo svolgersi dei fatti in lacrime durante l'interrogatorio sostenuto in questura dalla squadra mobile.

La figlia della coppia che vive nella stessa palazzina dei genitori, immediatamente informata del fatto sarebbe accorsa nell'appartamento per poi essere consolata dai vicini che non si spiegano come possa essere accaduta una cosa del genere."Era una coppia tranquilla, erano cordiali" è l'impressione comune di coloro che li conoscevano. L'origine del gesto potrebbe essere imputabile a una forte depressione che aveva colpito il signor Luciano Zironi in seguito a un ictus che aveva avuto qualche mese fa. Purtroppo però, qualsiasi sia il motivo alla base del gesto, possiamo solo constatare l'ennesimo caso di femminicidio nel quale donne inermi vengono brutalmente uccise.