Mistero in Brasile per la morte di Gaia Molinari, 29enne piacentina, il cui corpo è stato ritrovato senza vita da alcuni turisti lungo la spiaggia di Jijoca de Jericoacoara, a circa 300 chilometri di distanza dalla più famosa città di Fortaleza. Il ritrovamento è avvenuto intorno alle 17:25 ora locale (le 21:15 in Italia) a Natale, e il giorno dopo la drammatica notizia è stata confermata dalla Prefettura di Piacenza che si trova in costante contatto con il Consolato italiano di San Paolo del Brasile.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Stando alle prime informazioni che giungono dal Paese sudamericano, la giovane italiana sarebbe stata uccisa a colpi di pietra.

Aveva il volto tumefatto, forse uccisa con una pietra

La polizia brasiliana ha riportato che il cadavere di Gaia Molinari è stato avvistato abbandonato nelle sterpaglie in località Serrote, una zona protetta attraverso la quale si accede alla spiaggia di Pedra Furada, chiusa al passaggio delle auto.

Gli agenti di polizia hanno riportato che quando sono giunti sul luogo segnalato dai turisti, non hanno potuto fare altro che constatare la morte della ragazza che presentava il volto tumefatto da numerosi colpi ricevuti ed era riversa in una pozza di sangue. Secondo le forze dell'ordine, la 29enne di Piacenza potrebbe essere stata uccisa con una grossa pietra. La Squadra Omicidi brasiliana avrebbe già individuato una persona sospetta e la starebbe cercando per interrogarla.

Gaia Molinari sarebbe dovuta rientrare alla Vigilia di Natale, ma aveva deciso di fermarsi un giorno in più

Gaia Molinari era arrivata a Fortaleza, in Brasile, il 16 dicembre. Viveva a Parigi e si occupava dell'organizzazione di eventi riguardanti l'ambito motoristico. Secondo le informazioni raccolte dagli investigatori brasiliani, la ragazza era in compagnia di un'amica brasiliana di Rio de Janeiro, e insieme avevano deciso di spostarsi, il 21 dicembre, a Jijoca.

I migliori video del giorno

La giovane piacentina avrebbe dovuto lasciare la città alla Vigilia di Natale, ma pare che all'ultimo momento avesse deciso di fermarsi un giorno di più, e proprio quel giorno le è stato fatale. Al momento del ritrovamento, Gaia indossava un bikini e accanto a sé aveva uno zainetto.