Negli ultimi giorni abbiamo visto diversi gialli di cronaca trovare un epilogo, seppur crudele e drammatico: il presunto assassino del piccolo Loris Stival è stato identificato purtroppo in Veronica Panarello, la madre del bambino, attualmente rinchiusa nel carcere di Catania. Gli inquirenti di Sora hanno identificato il colpevole della sparizione di Gilberta Palleschi, un muratore di Sora che li ha condotti nel luogo in cui aveva nascosto il cadavere. Persino il giallo di Denise Pipitone, scomparsa nel lontano 2004, sembra essere arrivato ad una svolta grazie ad alcune intercettazioni ambientali che sembrano incastrare la sorellastra Jessica Pulizzi e Anna Corona, la madre di quest'ultima.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ci sono invece sviluppi sul caso di Elena Ceste? Nessuno, o quanto meno questa è la nostra sensazione.

Elena Ceste, news 11/12: la svolta ancora non arriva. E' Michele Buoninconti l'assassino?

Le indagini sulla morta di Elena Ceste sembrano purtroppo essere arrivate ad un punto morto soprattutto dopo che il clamore mediatico riferito a questo caso risulta essere completamente svanito.

Di Elena Ceste non se ne parla più né a Chi l'ha visto né a Quarto Grado mentre i programmi di Barbara D'Urso, rea di aver approfittato delle sofferenze della famiglia di Elena, sono stati sospesi per le vacanze natalizie prima del tempo. Tutte le ipotesi restano quindi al vaglio degli inquirenti: il principale indiziato continua ad essere Michele Buoninconti, al momento unico indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Non convince la sua descrizione di quel tragico 24 gennaio né tanto meno alcuni suoi comportamenti durante le ricerche del corpo. Ma senza una prova concreta, è davvero difficile pensare che Michele Buoninconti possa venire accusato per l'omicidio della moglie. Assieme a lui, gli inquirenti continuano ad indagare praticamente su ogni pista tra cui quella di una persona conosciuta da Elena in chat.

I migliori video del giorno

Nel telo verde ritrovato vicino al corpo della mamma di Costigliole d'Asti, è stato rinvenuto il DNA di una terza persona: potrebbe essere quello dell'assassino ma anche di qualcuno completamente estraneo ai fatti. Si indaga quindi ancora sul passato di Elena, sulle sue frequentazioni, sugli amici di Facebook, sui lunghissimi colloqui telefonici con amici di sesso maschile. La svolta però sembra essere ancora molto lontana dall'essere trovata.