Ad uno anno esatto dalla scomparsa di Elena Ceste il giallo intorno alla sua morte non cessa di stupire e portare a nuove verità. Come sappiamo al momento l'unico indagato per la sua morte è il marito Michele Buoninconti. Contro il quale al momento comunque non vi sono indizi tali da far pensare con certezza ad una sua responsabilità. Questa morte quindi ancora oggi ad un anno dalla scomparsa e a molti mesi dal ritrovamento del cadavere a pochi chilometri da casa in un canale di scolo, rimane un vero e proprio mistero inquietante.  Le ultime indiscrezioni relative al caso in questione risalgono all'intervista rilasciata dal marito della donna ad un noto quotidiano nazionale.

Nell'intervista in questione l'uomo fa delle confidenze relative ad alcune questioni personali della moglie, che se fossero confermate potrebbero portare a nuovi sviluppi della vicenda.  In pratica Michele Buoninconti ha dichiarato che la moglie prima di sparire fosse molto preoccupata dall'esistenza di alcuni video a luci rosse che la riguardavano e che la mettevano molto a disagio. Secondo il marito la donna era ossessionata dall'esistenza di questi video e secondo l'uomo questi potrebbero centrare qualcosa con la scomparsa e la morte della moglie. Ovviamente tali indiscrezioni andranno valutate e verificate dagli inquirenti, visto e considerato che vengono rivelate dall'unico indiziato e dunque potrebbero essere anche frutto di un tentativo di distogliere l'attenzione da se.

I migliori video del giorno

Ma ciò non toglie che esse contribuiscono a rendere ancora più oscuro e inquietante il giallo che vede protagonista questa famiglia e in particolare la povera donna. Infatti secondo il marito la moglie poteva essere oggetto di ricatti in seguito alle relazioni intrattenute sul web con altri uomini. Se tali video esistono davvero e se veramente la donna fosse oggetto di ricatto questo dovrà essere accertato dagli inquirenti. Quello che è certo è che queste ultime rivelazioni gettano ulteriore mistero su quello che probabilmente può essere considerato come uno dei casi più misteriosi di cronaca nera italiana degli ultimi anni.