L'uomo si era introdotto giovedì con un pass normalmente rilasciato, e forse a causa dell'arma giocattolo, non è stato intercettato dal metal detector. Minacciando gli impiegati ha chiesto di essere mandato in onda per fare una dichiarazione. A quel punto è stato annullato il telegiornale ed è comparso sugli schermi un messaggio di attesa "Un momento per favore", andato in onda per circa mezz'ora. Mentre l'uomo veniva fatto accomodare, veniva sgomberato l'intero stabile dalle persone.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Un dipendente dell'azienda, emittente pubblica NOS (Nederlandse Omroep Stichting) lo aveva dirottato verso uno studio non funzionante presso le strutture Mediapark nella città di Hilversum, dove si è poi arreso alla polizia.

Non ci sono state notizie di feriti.

Secondo un video postato su Twitter dalla stessa NOS, si trattava di un uomo ben vestito con giacca nera ed occhiali, che ha detto "Le cose che sto per dire riguardano grandi questioni mondiali…"

NOS ha detto in tarda serata di giovedì che la pistola era finta. La polizia ha poi dichiarato che l'uomo di 19 anni proveniva da Pijnacker, nel sud dell'Olanda, a metà strada tra Rotterdam e L'Aja; costui è stato arrestato con l'accusa di minacce, possesso d'arma da fuoco e presa di ostaggi. Non avrebbero detto altro su di lui riguardo il possibile movente.

Secondo una lettera che aveva con sé, il ragazzo ha detto di far parte di un team di cinque persone, che a sua volta era parte di uno più grande di 98 hacker, il quale sta pianificando un attacco informatico.

I migliori video del giorno

Ha aggiunto, inoltre, che otto pacchi bomba radioattivi erano sparsi per il Paese e che essi sarebbero esplosi se non fosse andato in onda per discutere di questioni "che sfidano la società d'oggi".

Le autorità hanno però smentito tutte le dichiarazioni in quanto credono che l'uomo abbia agito da solo senza avere collegamenti con cellule terroristiche. Gli studi sono poi stati riaperti dopo due ore.

Hilversum è stata bloccata sul maggior stato d'allerta dopo l'attacco di Parigi, ma si sta pensando di mantenere elevato l'allarme finché non saranno impiegate maggiori contromisure per impedire nuovi casi del genere.