Una scena a dir poco drammatica quella che si sono ritrovati davanti polizia e vigili del fuoco, a Roma, chiamati tempestivamente da cittadini terrorizzati che sarebbero stati svegliati di soprassalto da un boato fortissimo. Nella notte fra lunedì 19 e martedì 20 gennaio, infatti, nella zona dei Colli Aniene ci sarebbe stata una violenta esplosione in un appartamento di una palazzina che avrebbe causato la morte di un uomo sulla cinquantina e avrebbe ferito una quindicina di persone che vivevano nello stabile. Sul posto si è recata anche la polizia scientifica, che a questo punto sta passando al vaglio tutte le ipotesi per cercare di capire come si sia scatenato il disastro.

Paura e terrore si sono impadroniti immediatamente dei cittadini, che si sono riversati in strada attorno alle tre di questa notte senza la benché minima idea di cosa fosse successo ma con la consapevolezza che il gesto non passerà di certo inosservato da parte dell'amministrazione capitolina. Il traffico nella zona è stato subito chiuso e in queste ore gli inquirenti avrebbero pure trovato un cartello accanto al luogo dell'incidente con su scritto "casa non ve la farà godere perché siete dei ladri", una sorta di minaccia in riferimento agli sfratti che stanno tempestando la Capitale (e non solo) in questo periodo.

L'esplosione, secondo i primi accertamenti, sarebbe infatti avvenuta a causa di una fuga di gas cominciata in un appartamento disabitato ed è chiaro, insomma, che i colpevoli (o il colpevole) avevano l'obiettivo di vendicare qualcuno che sarebbe stato sfrattato proprio dal palazzo di Via Giuseppe Galati in Roma.

I migliori video del giorno

Addirittura, in seguito al boato, alcune persone che dormivano accanto allo stabile, si sarebbero buttate dalle finestre per la paura e soprattutto per l'incedio che è divampato in seguito all'esplosione. Diverse automobili sono state danneggiate e attualmente c'è un ferito grave ricoverato all'ospedale Pertini, oltre all'uomo trovato morto nel bagno dell'appartamento che si trovava al piano superiore rispetto al luogo dove avrebbe avuto inizio l'incendio.