Un episodio senza precedenti è avvenuto in Polonia e precisamente presso l'Ospedale Centrale di Katowice, a sud-ovest del paese, dove una ragazza diciannovenne, Iga Jasica si trovava in sala operatoria per un delicatissimo intervento chirurgico al cervello. I medici erano concentratissimi per eseguire l'operazione nel miglior modo possibile per evitare errori fatali, che potevano compromettere in modo irreparabile la vita della giovane donna, ad un certo punto hanno udito una voce che chiedeva: 'Va tutto bene?'.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

I sanitari sono rimasti increduli, accorgendosi che quella era la voce della paziente sulla quale stavano lavorando, la diciannovenne si è inspiegabilmente svegliata dall'anestesia con la cassa cranica ancora aperta.

La ragazza era stata sottoposta ad intervento chirurgico a causa di un tumore che doveva essere asportato. Da una prima ricostruzione, sembrerebbe che le cause del risveglio anticipato siano da attribuire a due fattori: il primo potrebbe essere un errore di dosaggio dell'anestesia, che ha provocato un risveglio precoce, il secondo potrebbe essere attribuito ad una reazione naturale dell'organismo, che ha portato la ragazza a svegliarsi in maniera autonoma e rapida.

La bravura dei medici, è stata quella di avere il sangue freddo per continuare l'intervento, mentre parlavano con la paziente e alla fine dell'operazione il neurochirurgo Dawid Larysz, ha reso noto che l'intervento si è svolto normalmente, senza particolari problemi per la paziente che tra l'altro non è mai stata in pericolo di vita, nonostante fosse stata operata al cervello in stato cosciente.

I migliori video del giorno

Iga non ricorda molto bene i dettagli di quanto accaduto, ma ha raccontato che durante l'intervento parlava con i medici di gatti, animali che a lei piacciono moltissimo, poi ha aggiunto che purtroppo non ha potuto passare il Natale con i suoi familiari, ma è rimasta molto contenta, perché questo è il più bel regalo che avesse mai potuto ricevere. Si tratta sicuramente di un caso più unico che raro nella storia della medicina, fortunatamente però ha avuto un lieto fine, sperando che questo rocambolesco intervento possa aiutarla a combattere il brutto male che minaccia la sua vita.