Caso Yara: Massimo Giuseppe Bossetti e il DNA mitocondriale che non corrisponde a quello della traccia sugli slip di Yara Gambirasio, che cosa può significare? Leggendo semplici informazioni su cosa è il DNA mitocondriale si potrebbe avere il sospetto che la madre dell'assassino, di quell'"ignoto 1" il cui DNA è stato trovato sulla biancheria di Yara Gambirasio, non è Ester Arzuffi, anche se il padre sarebbe Giuseppe Guerinoni. Ipotesi azzardata? Eppure le tante notizie che dalla scomparsa della ginnasta 13enne di Brembate di Sopra si sono susseguite per quasi quattro anni potrebbero supportare anche questa nuova ipotesi. E ragione avrebbe l'avvocato difensore di Massimo Bossetti a dire che il suo assistito andrebbe scarcerato.

Senza la pretesa di giungere noi a conclusioni avventate, citiamo qui un articolo della testata online il Giornale.it, risalente al settembre scorso.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Riporta le parole di una relazione dei RIS che al momento fecero riflettere e che, dimenticate dall'opinione pubblica a favore di notizie di maggior impatto mediatico, come le testimonianze abilmente sceneggiate in TV, sono state invece rimuginate dal pool della difesa di Bossetti, fino alla clamorosa rivelazione di "Quarto Grado" del 23 gennaio 2015.

Scrivono i carabinieri: "Lo studio analitico dei reperti oggetto della presente indagine è stato reso particolarmente difficile dal cattivo stato di conservazione degli stessi e dalla oggettiva complessità dei susseguenti esiti di laboratorio, non sempre ben interpretabili in ragione dell'elevato livello di degradazione biologica delle tracce presenti". Da quella relazione dei RIS che sollevava tanti dubbi, l'avvocato Claudio Salvagni è partito per smontare il principale indizio di accusa a Bossetti arrivando all'ultima relazione del Reparto Investigazioni Scientifiche, depositata pochi giorni fa, che afferma che il DNA mitocondriale rinvenuto nella traccia sugli slip di Yara non è di Massimo Giuseppe Bossetti.

Cos'è il mtDNA

Ma bisogna capire che cosa è il DNA mitocondriale e cosa potrebbe significare che quello di "ignoto 1" non corrisponde a quello di Bossetti, mentre il DNA nucleare, almeno al 99,99999987% sì.

I migliori video del giorno

La definizione di DNA mitocondriale può essere semplice: il mtDNA è uno strumento per tracciare la matrilinearità; in particolare nella genetica forense viene chiamato in causa quando i campioni biologici sono scarsi e il DNA contenuto è degradato, o quando l'unico DNA di riferimento è quello parentale. Il tipo di ereditarietà del DNA mitocondriale, che avviene per linea materna, fa sì che ogni individuo erediti il mtDNA identico a quello della madre. Nel caso specifico, le conclusioni porterebbero a pensare che l'assassino di Yara, l'ignoto 1 le cui tracce sono state rinvenute sugli slip della tredicenne di Brembate di Sopra, avrebbe un DNA nucleare corrispondente a quello di Giuseppe Guerinoni, padre naturale anche di Massimo Bossetti, ma non corrispondente al DNA ereditato attraverso i mitocondri per parte materna. Ester Arzuffi non sarebbe quindi la madre naturale di ignoto 1. Un colpo di scena non da poco, se questa fosse la giusta interpretazione. L'assassino di Yara Gambirasio, figlio illegittimo e segreto di Giuseppe Guerinoni, ma non della madre di Bossetti.

Spunta l'ipotesi di un'altra donna del mistero amante dell'autista di Gorno deceduto nel 1999, e di un altro figlio illegittimo.