Durante la puntata di Chi l'ha visto andata in onda mercoledì 25 febbraio, si sono aggiunti nuovi elementi sul caso di Elena Ceste, la donna scomparsa il 24 gennaio e poi ritrovata morta in un canalone a poche centinaia di metri da casa. Le ultime news riguardano alcune possibili ricostruzioni di quanto può essere accaduto, il punto di partenza è il giudizio del Tribunale del Riesame che, pur confermando il carcere per Michele Buoninconti, ha escluso che possa aver agito con premeditazione, sconfessando le ipotesi della Procura. Fondamentali potrebbero risultare le testimonianze del padre e della sorella che avevano avuto delle conversazioni telefoniche con la donna poche ore prima che si consumasse la tragedia.

Elena Ceste, ultime news Chi l'ha visto: le testimonianze del padre e della sorella, la donna voleva lasciare Michele?

Le ultime news da Chi l'ha visto, partendo dal giudizio del Tribunale del Riesame, riguardano alcune testimonianze del padre e della sorella che avevano sentito Elena Ceste poche ore prima della scomparsa. Il padre ha raccontato di aver chiamato la figlia per chiederle se il marito voleva accendere la caldaia a Govone: la donna, di solito mite e di buon carattere, avrebbe risposto in maniera piuttosto perentoria che era meglio se avesse parlato direttamente con il marito. La sorella, invece, racconta di aver sentito Elena piuttosto agitata come se qualcosa non andasse per il meglio. La ricostruzione proposta da Chi l'ha visto è allora la seguente: Elena Ceste voleva lasciare Michele Buoninconti, l'uomo, quando torna a casa, trova la moglie che sta uscendo dalla doccia, scoppia una lite, lei gli dice che vuole lasciarlo e lui in preda a un raptus omicida, pensando che la sua famiglia stesse per crollare, la uccide.

I migliori video del giorno

Elena Ceste, ultime news Chi l'ha visto: i sospetti di tradimento, la seconda ricostruzione possibile

Durante il programma di Federica Sciarelli è stata proposta anche una seconda possibile ricostruzione dell'omicidio. Sempre partendo dall'idea che Michele Buoninconti abbia agito in preda ad un raptus e senza alcuna premeditazione. L'uomo ha raccontato più volte che il giorno della scomparsa di Elena Ceste, lui aveva visto venire in direzione della propria casa l'auto con il padre di un compagno di scuola di uno dei figli, l'uomo che lui riteneva (o sapeva) che si scambiasse messaggi con la moglie. Michele, poi, come mostrano le telecamere, non sarebbe ritornato subito a casa, ma sarebbe andato a svolgere alcune commissioni. Forse pensava di tornare un po' più tardi per cogliere sul fatto Elena e l'uomo? La ricostruzione è che, in preda alla gelosia, l'uomo sarebbe ritornato a casa, avrebbe colto la moglie sotto la doccia e l'avrebbe uccisa. Dopodiché sarebbe andato immediatamente a disfarsi del corpo.

Le intercettazioni ambientali in cui Michele dice ai figli che non devono tirare la corda come ha fatto la loro madre, la povera Elena Ceste, sembra avere valore probatorio per una possibile condanna dell'uomo. È tutto con le ultime news da Chi l'ha visto sul caso di Elena Ceste. Per ricevere aggiornamenti su questo e altri casi di cronaca, il nostro consiglio è di cliccare su "Segui" posto in alto sopra il titolo dell'articolo.