Proseguono incessantemente le indagini sul caso di Yara Gambirasio, la ginnasta tredicenne trovata morta cinque anni fa. Sembra che sia finalmente arrivata la svolta sulla triste vicenda; la posizione dell'unico accusato per l'omicidio della tredicenne, il quarantaquattrenne Massimo Bossetti, si sta infatti complicando sempre di più. Gli investigatori hanno sequestrato tutto il materiale elettronico del muratore di Mapello, il quale, secondo quanto riporta il sito di "Repubblica", avrebbe cercato di acquistare una microspia ambientale, un oggetto di uso non comune. A scandalizzare l'opinione pubblica sono state le parole chiave digitate da Massimo Bossetti su "Google".

Pare infatti che il carpentiere quarantaquattrenne abbia avuto una vera e propria ossessione per le ragazzine tredicenni molti simili a Yara Gambirasio. Una delle frasi più digitate da Bossetti su Internet è "ragazza rossa tredicenne, vergine". Dalle indagini è inoltre emerso che il muratore di Mapello era solito informarsi a fondo sui casi di cronaca nera, specialmente su quello di Yara Gambirasio, che è risultato essere al top delle ricerche su "Google". 

Massimo Bossetti ossessionato dalle tredicenni rosse? Ecco il possibile movente dell'omicidio 

Secondo le ultime analisi degli investigatori, Massimo Giuseppe Bossetti era solito digitare delle keywords davvero molto insolite; la parola più cercata è "tredicenne", ma le perizie informatiche hanno dimostrato che il muratore di Mapello avrebbe avuto l'intenzione di acquistare su e-Bay una microspia ambientale.

I migliori video del giorno

Non è però ancora emersa la motivazione che avrebbe spinto Massimo Bossetti ad acquistare questo oggetto davvero poco utilizzato nel quotidiano. In ogni caso, la posizione del carpentiere di Mapello si sta complicando sempre di più; il movente dell'omicidio potrebbe veramente essere l'ossessione di Bossetti per le tredicenni rosse e vergini. Lo confermerebbe il fatto che alcuni testimoni avrebbero visto il carpentiere insieme ad altre ragazzine di fronte alla palestra dove era solita allenarsi Yara Gambirasio. Il muratore di Mapello voleva comprare la microspia per spiarle? Ne sapremo sicuramente di più nel corso delle prossime indagini.