Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello e presunto assassino della piccola Yara Gambirasio, rimarrà in stato d'arresto. La procura ha dunque respinto la richiesta di scarcerazione dell'avvocato Salvagni, legale di Bossetti; egli ha da sempre dichiarato che gli esami sul dna trovati sul corpo della ragazzina di Brembate di Sopra, non sono stati eseguiti in maniera ortodossa e corretta, tra un mese le motivazioni precise della corte suprema. Intanto l'avvocato Salvagni lo è andato a trovare nel carcere di Bergamo dove gli ha raccontato dettagliatamente le decisioni della cassazione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

La sorella del muratore di Mapello, Laura Letizia Bossetti, è stata per l'ennesima volta ignobilmente aggredita da parte di loschi figuri incappucciati poi scomparsi nel nulla.

L'intervista a Bonomo su Rai 3

La nota trasmissione Rai di Chi l'ha visto (sotto consiglio del marito di Letizia) ha intervistato l'avvocato Bonomo, il legale della madre di Bossetti e della stessa Letizia; la conduttrice Federica Sciarelli ha chiesto ragguagli all'avvocato su cosa sia realmente accaduto alla sorella del muratore di Mapello e soprattutto il perché. "È un fatto inquietante questo-ha spiegato Bonomo-il tutto è avvenuto alla luce del giorno. Purtroppo nella famiglia di Bossetti il padre è molto malato ed ovviamente la figlia aiuta la madre ad accudirlo. Intorno all'una è scesa dal secondo piano per andare a prendere la posta e nel mentre si apriva l'ascensore due persone dal volto coperto le hanno prima puntato un coltello alla gola, l'hanno portata nell'ascensore e nel mentre la signora cercava di uscire le hanno messo una mano sulla bocca portandola nel seminterrato.

I migliori video del giorno

Dopo di ciò la signora ha perso i sensi ed a questo punto la madre, la signora Esther, non comprendendo il perché la figlia dopo alcuni minuti non fosse ancora tornata, ha chiamato l'ascensore e si è vista una scena agghiacciante perché si sono aperte le porte dell'ascensore ed all'interno di esso vi era il copricapo di Letizia, un giubbino e, se non ricordo male, tutti e due gli stivali. A questo punto la signora Esther ha urlato terrorizzata e, con l'aiuto di un vicino di casa, è andata a cercare la figliuola trovandola nel seminterrato priva di sensi. A questo punto è stato immediatamente chiamato il pronto soccorso ed ovviamente i carabinieri sono subito arrivati sul posto. In seguito è arrivata anche l'ambulanza ed hanno potuto raggiungere il pronto soccorso".

La Sciarelli e Bonomo hanno poi lanciato un appello rivolto a chi fosse realmente a conoscenza della vera identità di questi delinquenti. In seguito la giornalista ha chiesto all'avvocato qualche particolare in più sugli aggressori, questa è stata la risposta: "Purtroppo no, non hanno peraltro proferito parola e non siamo neanche in grado di dire di che nazionalità fossero. Ad ogni modo la loro forza è bastata a neutralizzare ogni difesa di Letizia".