Thilafushi cresce sopra il livello del mare a vista d'occhio, nonostante l'innalzamento del livello delle acque marine, dovuto ai cambiamenti climatici. Com'è possibile?

In pochi conoscono l'isola-discarica dell'arcipelago delle Maldive, voluta nel 1992 dal governo locale. Thilafushi, che dista di soli 7 kilometri dalla capitale Malé, è ultimamente soggetta a un terribile disastro ambientale sfuggito al controllo delle autorità, che sta scandalizzando e mettendo in azione ogni associazione in lotta per il rispetto dell'Ambiente.

Proprio oggi, il Financial Times ha denunciato l'accaduto.

Si è appena celebrata la giornata internazionale della Terra, ma le paradisiache isole dell'Oceano Indiano si stanno trasformando in un inferno, a causa del crescente ammontare dei rifiuti smaltiti sull'isola artificiale di Thilafushi. Questa zona, nata appositamente per diventare la discarica dell'arcipelago, raccoglie ogni giorno fino a 500 tonnellate di rifiuti.

Gli immigrati che lavorano sull'isola, operano senza alcun genere di protezione in mezzo a scarti medici, pile, amianto, fumi tossici e altro genere di rifiuti industriali e privati. L'immondizia viene smaltita sotto sottili strati di sabbia, nelle vicinanze delle rive, il ché naturalmente causa il rapido dissotterramento dei rifiuti e il loro conseguente viaggio nelle acque marine.

Sono ricorrenti, infatti, le lamentele di svariati turisti che alloggiano nei resort più lussuosi dell'arcipelago e che raccontano il loro disgusto alla vista dell'immondizia (e perfino degli scarichi fognari rilasciati a poche centinaia di metri dalla costa e riportati a riva dalle correnti) galleggiante nelle limpide acque dell'oceano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ambiente

Si pensa che il disastro sia dovuto anche ai recenti aumenti delle ondate turistiche, che hanno causato a loro volta un conseguente aumento degli smaltimenti dei rifiuti, aggiuntosi a quello perpetuo della popolazione locale. In ogni caso, per queste ragioni, lo stesso aumento delle ondate turistiche può generare anche un pericoloso riabbasso: di certo l'indesiderato disastro ecologico non fa buona pubblicità all'arcipelago delle Maldive.

Nel frattempo poco viene fatto dal governo locale, e le montagne di rifiuti si innalzano su quelle che sono alcune delle isole più basse del mondo, sommergendole e inquinando un piccolo angolo di paradiso terrestre, che come ogni altro angolo del nostro pianeta, così come ci insegna l'International Earth Day, andrebbe protetto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto