Il sindaco PD di Ischia, nel golfo di Napoli, è stato arrestato lunedi, con altre nove persone, nell'ambito dell'inchiesta della procura di Napoli su tangenti pagate per portare metano nei comuni dell'isola campana. Giuseppe 'Giosi' Ferrandino, un membro del Partito Democratico (PD), è sospettato di aver preso tangenti del valore di 330.000 € da una cooperativa locale, CPL Concordia, ha riportato l'Ansa.

Suo fratello, Massimo, è stato arrestato insieme con funzionari di CLP Concordia, che impiega circa 1.800 persone nel mondo.

Gli arresti rientrano come parte di un'indagine sulla presunta corruzione legata alla fornitura di gas naturale per l'isola. La sonda ha trovato evidenza di fondi neri in una società in Tunisia, presumibilmente creati da CLP Concordia, che sono stati utilizzati per pagare Ferrandino e altri funzionari per "favori".

I reati contestati, a vario titolo, vanno dall'associazione per delinquere alla corruzione (anche internazionale), dalla turbata libertà degli incanti al riciclaggio, all'emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Il nome dell'ex-Presidente del Consiglio Massimo D'Alema è stato menzionato nell'investigazione, è la CPL Concordia avrebbe comprato "centinaie di copie dell'ultimo libro" di D'Alema, e "alcune migliaia di bottiglie del vino prodotto da una azienda agricola riconducibile allo stesso D'Alema" secondo il gip. L'ex Premier ha risposto martedi alle accuse, dicendo: "Sono offeso e indignato per il fatto di essere chiamato in causa in una vicenda nella quale sono del tutto estraneo," al programma televisivo Piazzapulita.

Si è anche affermato che il denaro è stato versato ai membri della camorra, la rete mafiosa basata su Campania. Gli arresti sono stati effettuati quasi due settimane dopo che Maurizio Lupi dimesso da ministro dei trasporti a causa di uno scandalo di corruzione sui lavori pubblici. L'arresto di Ferrandino segue anche l'arresto la scorsa estate di Giorgio Orsoni, ex sindaco di Venezia, per le accuse di corruzione legate al progetto barriera contro le inondazioni Mose.

Segui la nostra pagina Facebook!