Continuano le indagini sul duplice delitto della coppia Trifone Ragone e Teresa Costanza di Pordenone. Anche la popolare trasmissione Rai "Chi l'ha visto?" si è occupata del caso e l'attenzione degli spettatori è stata catturata da una chiamata di una signora anziana la quale ha gridato il suo dolore con una frase toccante: "Io non me ne voglio andare da questo mondo senza sapere chi ha ucciso il mio bambinone".

Ricordi importanti per ricostruire il puzzle

Si tratta della nonna del militare dell'esercito Trifone, ucciso nel parcheggio della palestra da lui frequentata al termine di un allenamento mentre si trovava in macchina con la sua compagna Teresa, impiegata in un'Agenzia assicurativa della Zurich.

Entrambi i giovani erano originari del sud. La testimonianza della nonna è più importante di quel che si possa pensare perché la donna fa riferimento a un individuo legato sentimentalmente a Teresa che non aveva un carattere facile. La nonna parla espressamente di lui come di una persona violenta e di conseguenza pericolosa. C'è il sospetto che possa essere in qualche modo coinvolto in questa brutta faccenda. La nonna, provata dal dolore di avere perso tragicamente suo nipote, al quale era molto affezionata, si chiama Isabella Piscopo. "Mio nipote aveva dei nemici, avrà visto qualcosa che non andava, forse si era ribellato a qualcuno, per questo è stato assassinato." dice oggi, mentre le indagini restano aperte.

Da notare che era stata lei a mettersi in contatto con il famoso programma condotto dalla giornalista Federica Sciarelli, spiegando che aveva cose di una certa rilevanza da comunicare.

I migliori video del giorno

La signora è residente nella provincia di Adelfia. L'ultima volta che aveva potuto abbracciare il nipote era stata proprio in occasione della festività di San Trifone, ricorrenza che prevede alcuni giorni di feste varie coi caratteristici fuochi d'artificio molto apprezzati in quei luoghi. Trifone e Teresa in quella circostanza dormirono a casa della nonna e così si è approfondita la conoscenza della compagna di vita di Trifone, un ragazzo appassionato di bodybuilding.



Un giorno Teresa fu raggiunta da una telefonata che le ha creato qualche imbarazzo in quanto era stato il suo ex fidanzato a contattarla, cosa che aveva alimentato qualche malumore nel suo compagno. A quel punto i due hanno avuto una discussione dalla quale si comprendeva che il giovane non voleva che Teresa Costanza fosse contattata ancora da quella persona, evidentemente non gradita.

L'ipotesi dello stalking

"Sono sicura che questo individuo importunasse Teresa, la chiamava spesso al telefono." dice la nonna di Trifone. A questo punto le indagini potrebbero prendere una direzione molto precisa e gli investigatori cercheranno di mette meglio a fuoco questo particolare stalker. Secondo la nonna, infatti, Trifone chiese espressamente alla fidanzata se quell'uomo le stava facendo stalking.