Federica Sciarelli, la conduttrice del noto programma Rai Chi l'ha visto?, si è occupata nell'ultima puntata di un caso molto tragico e particolare, quello della famiglia di Ferdinando Carretta. I componenti furono cercati per 10 anni, forseproprio il giudice Di Pietro fu all'epoca il primo, che iniziò a fare un pò di luce sul caso, affermando che tale famiglia non era mai andata via di casa. Fu cercata addirittura ai Caraibi, ove, si pensava, i membri di tale famiglia fossero andati a vivere. Ed invece no, erano stati uccisi, la mamma, il papà, il fratello, dallo stesso Ferdinando Carretta. I corpi non furono trovati per anni, in quanto occultati molto bene dall'assassino.

Dieci anni dopo lo sterminio della sua famiglia, un giovane Ferdinando Carretta fu raggiunto dall'inviato di Chi l'ha visto? Giuseppe Rinaldi a Londra; durante tale incontro il ragazzo confessò il suo atto scellerato.

Una confessione che fece gelare il sangue

Ecco le parole di Ferdinando all'epoca davanti alle telecamere del programma Rai: "Ho preso quella pistola, quell'arma da fuoco, ed ho sparato ai miei genitori ed a mio fratello, i corpi sono rimasti nell'appartamento ...". A questo punto Ferdinando si bloccò, un pò per l'emozione, un pò per l'imbarazzo, fu Rinaldi, che lo incoraggiò ad andare avanti: "... E poi ho pensato, al meglio che potessi, di eliminare ogni traccia di sangue addosso ecc. Volevo ripulire l'appartamento, in modo da non lasciar traccia appunto, questo è stato un atto di follia ...

I migliori video del giorno

Un atto di follia completa". Giuseppe Rinaldi chiese al Carretta se i suoi famigliari gli avessero fatto qualcosa di male per meritare una fine così orrenda, ecco la risposta: "No, nulla!". Il Rinaldi, da vero professionista, tentò però di battere su questo argomento e chiese allora al Carretta se avesse litigato con i suoi prima di ucciderli, egli però rispose semplicemente con un "no".

La fine della famiglia Carretta è l'esempio lampante di come quando scompaiono delle persone, le forze dell'ordine dovrebbero agire subito con professionalità e preoccupazione. Il programma di Rai 3 è tornato a parlare di questo caso, in quanto Ferdinando Carretta è oggi un uomo libero ed ha inoltre preso i soldi dell'eredità, fatto che ha disgustato i più per ovvie ragioni, il patrimonio dei genitori uccisi, al fine di comprarsi una casa. Ferdinando Carretta in questi anni ha sempre mantenuto un atteggiamento di basso profilo con i media, ma, incredibilmente, ha accettato di farsi sentire di nuovo dallo stesso Giuseppe Rinaldi (oggi autore di Chi l'ha visto?) che lo intervistò anni fa.

Durante l'ultima intervista, Ferdinando ha dichiarato di essere un uomo libero, ma che si è curato e non c'è più ragione alcuna di temere la sua persona. Rinaldi ha in primis chiesto telefonicamente al Carretta, cosa ne pensa del suo stato attuale di uomo libero appunto, lui ha affermato: "Sì, mi sono ritrovato libero, anche se ho ancora diverse restrizioni da rispettare".

Rinaldi ha poi chiesto all'uomo se ha la possibilità di lasciare la città in cui si trova, nel caso in cui volesse, la risposta è stata: "No, io devo rimanere nella città dove tuttora mi trovo e non ho la possibilità di spostarmi altrove. Ho inoltre trascorso 7 anni e mezzo in un ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere e poi il periodo rimanente l'ho trascorso in una comunità di Forlì".