Dobbiamo segnalare un colpo di scena al 5 maggio 2015 circa l'omicidio della giovane coppia formata da Teresa Costanza e Trifone Ragone, in quanto i parenti di un pesista che si è suicidato lasciano intendere che potrebbe esistere un collegamento tra i singoli episodi, anche se tale ipotesi resta tutta da dimostrare. Lo scrive Il Gazzettino di oggi, lasciando così intendere che potrebbero anche aprirsi nuovi scenari fino a oggi non tenuti in considerazione.

Il 17 febbraio 2015 l'atleta Gianfranco Manconi ha deciso di togliersi la vita nella zona di Oristano, in Sardegna. I parenti vorrebbero a questo punto un'inchiesta per verificare l'ipotesi di reato di "istigazione al suicidio" ma i ettagli non sono ancora chiari.

A Pordenone Manconi aveva avuto alcuni problemi giudiziari in quanto aveva dovuto patteggiare una condanna per traffico di sostanze anabolizzanti, mentre era stato condannato a tre anni e tre mesi per avere commesso una rapina.



Il particolare importante è che nella città di Pordenone Manconi era solito frequentare la medesima palestra del soldato Trifone: il Forum. Era giunto in città allo scopo di trovare un lavoro sfuttando la sua prestanza fisica. Aveva in effetti trovato presto un impiego, con la mansione di sorvegliante, presso un locale notturno della zona di Conegliano piuttosto noto.

La vicenda della morte di Trifone e Teresa si tinge quindi di giallo nonostante il fatto che gli investigatori si stanno impegnando a fondo per capire quale può essere la pista giusta. Molto si è discusso circa la vivace vita notturna di Teresa Costanza, che potrebbe avere fatto qualche brutto incontro nei pub dove lavorava anche come barista, mentre secondo una ricostruzione proposta dalla nonna del soldato Trifone Ragone un ex di Teresa la infastidiva con frequenti telefonate ed inoltre era noto come persona non facile da gestire anche se benestante.

I migliori video del giorno

Di certo il killer che ha colpito i due nel parcheggio ha dimostrato una speciale freddezza riuscendo a passare inosservato e verosimilmente ben sapendo che la telecamera presente in zona non era funzionante. Nelle prossime settimane ne sapremo certamente di più. Se vi interessa rimanere aggiornati, potete cliccare sul testo vicino al mio nome in alto: quello con la scritta "segui".