Abbiamo da segnalare ai nostri lettori importanti passi in avanti nelle indagini sul duplice delitto di Trifone Ragone e Teresa Costanza, in quanto sembra che nelle mani degli investigatori ci sia ora una sorta di identikit del killer che potrebbe anche essere uno stalker che in un recente passato aveva preso di mira Teresa, forse perché rifiutato da lei proprio in quanto già impegnata sentimentalmente con Trifone. I due convivevano da circa un anno. Le indagini continuano.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera





Per arrivare a questo importantissimo risultato è risultata fondamentale la collaborazione di molti cittadini che non si sono tirati indietro. La comunità di Pordenone è rimasta molto colpita da questa vicenda.

Vi ricordiamo che la coppia formata da Trifone Ragone e Teresa Costanza è stata uccisa a colpi d'arma da fuoco nel parcheggio del "Crisafulli", il palasport cittadino che è sito in via Interna.

Le caratteristiche fisiche del sospetto

Si parla di un uomo notato per un neo sulla guancia, ma anche di un ragazzo dagli occhi azzurri con un cappellino di lana: persone nuove della zona che non sono passate inosservate. Si sta mostrando l'identikit agli albergatori della città nell'ipotesi che il sicario sia giunto da fuori solo per compiere la sua missione di morte per poi ripartire. Un uomo che potrebbe essere stato pagato da qualcuno per commettere l'insano gesto. Resta comunque da capire il movente che ha spinto questo qualcuno a volere uccidere o far uccidere il militare Ragone e l'impiegata (presso la Zurich Assicurazioni) Teresa Costanza.Chi li conosceva parla di loro come di ottime persone al di sopra di ogni sospetto ma la sensazione è che in questa vicenda manchi ancora qualcosa per capire meglio l'accaduto, anche se inizialmente si era dato grande risalto alla passione della giovane per i lavori nei locali notturni. Secondo alcuni è in questo particolare contesto che può essere accaduto qualcosa di pericoloso. L'indagine è seguita dal procuratore Marco Martani. nelle prossime settimane ne sapremo sicuramente di più. Di sicuro l'assassino è persona con una notevole freddezza. Si sospetta addirittura che possa essersi abilmente confuso tra le persone accorse sul luogo della tragedia una volta che si è sparsa la voce del delitto di Pordenone.