In questi giorni si sono verificati a Milano fatti spiacevoli che hanno messo in luce l'ignoranza che possiedono molte persone, che la maggior parte delle volte non sanno nemmeno il perché della violenza gratuita che si trovano a spargere. In ogni caso a tutti è sembrato solo un pretesto per sfogare la propria rabbia, e non per esprimere un'opposizione sincera all'Expo di Milano 2015. Nessuno ha ancora capito come mai i Black bloc si siano ostinati ad ostacolare questo grande evento che potrebbe dare una mano al nostro Paese, soprattutto dal punto di vista economico.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

L'Italia oramai si sa, è in crisi da anni. Ma questo evento mondiale è stato organizzato proprio qui, nella città italiana della moda: Milano. L'affluenza di turisti potrebbe essere un bene preziosissimo per la nostra economia.

Tra i Black Bloc c'è anche il ragazzo pentito: ecco le sue parole

Tra i manifestanti presenti tra le vie in subbuglio di Milano era presente anche il ragazzo di Pavia del quale si è parlato molto in questi giorni. Di lui si sono viste due facce: quel ragazzo ribelle che aveva voglia di aiutare a distruggere e l'altro, quello pentito e pieno di belle parole. Nella sua prima intervista abbiamo visto la prima versione che è stata citata. Le sue parole sono state: "Spaccare tutto è giusto", "...se avessi avuto anche io qualcosa in mano avrei cominciato a spaccare qualcosa anche io, io quando sono nel casino son contento".

Ecco le sue parole solo due giorni dopo: "Mi scuso. Mi sono lasciato prendere. Io non sono per la violenza e non farei mai del male a nessuno.

I migliori video del giorno

Ho sbagliato a dire quelle cose. Ho espresso male ciò che volevo dire". "Io non sono un ragazzo violento". Tutti possiamo vedere che questo è un cambiamento radicale in una persona, soprattutto in un arco di tempo così limitato. Una delle spiegazioni più plausibili è che i genitori di questo ragazzo l'abbiano fatto tornare alla ragione, costringendolo alle pubbliche scuse; il che sarebbe (anzi è) un gesto degno di lode.

La testimonianza di questa redenzione può darci atto che il mondo sta cambiando? O questo ragazzo è solo l'eccezione alla regola?