Un anziano signore di 76 anni, ormai da diverso tempo, non pagava i tributi comunali e così l'amministrazione di Genova in cui era residente, nel quartiere Sampierdarena per la precisione, è stata costretta a mandargli l'ufficiale giudiziario per notificare un pignoramento sui mobili. L'anziano signore, all'anagrafe Flavio Vargiu, era nato in Sardegna e al Comune di Genova risultava moroso da 7 anni, da qui la decisione del pignoramento per il recupero dei crediti vantati nei suoi confronti ma, quando l'altro giorno si sono presentati gli ufficiali giudiziari, non hanno ottenuto risposta e hanno dovuto richiedere l'intervento dei Carabinieri e dei vigili del fuoco per forzare la porta.

Una volta entrati, la macabra scoperta. Il corpo dell'uomo era riverso sul pavimento della cucina perfettamente mummificato e ciò, probabilmente, si è potuto verificare grazie allo stato di chiusura, praticamente ermetica, di porte e finestre, il portoncino d'ingresso dell'appartamento era, addirittura, foderato internamente di teli di cellophane.

È molto probabile che la morte sia sopraggiunta per cause naturali, infatti non sono state trovate tracce di violenza sul corpo dell'uomo e la porta d'ingresso era chiusa dall'interno, il periodo del decesso dovrebbe, ragionevolmente, essere ricondotto a febbraio del 2008 infatti, accanto all'uomo è stato trovato un calendario sul quale, date e scadenze appuntate si fermano proprio nel mese di febbraio di quell'anno ed è probabile che l'ultima data sulla quale risulti qualche nota, sia proprio quella del decesso dell'uomo che, crollando a terra, fece cadere il calendario al suo fianco.

I migliori video del giorno

Resta da capire come mai nessuno, dopo 7 lunghissimi anni, abbia fatto caso alla sua mancanza e ne abbia denunciato la scomparsa. I vicini intervistati hanno risposto che conduceva una vita molto riservata e di essere convinti che l'anziano signore si fosse trasferito in una casa di cura, così come aveva dichiarato, effettivamente, di aver intenzione di fare prima della sua dipartita, rimane comunque il mistero sul perché nessuno dei suoi parenti si sia mai interessato della sua salute.

È chiaro che nessuno lo andasse a trovare, sintomo evidente di rapporti deteriorati ed interrotti da tempo e così, per scoprire la morte di un povero anziano, solo e abbandonato da tutti, è dovuta intervenire la lunga mano del fisco, quanto di più odiato dagli italiani ma, che per una volta e suo malgrado, ha compiuto un'opera pia garantendo all'uomo, quantomeno, una degna sepoltura.