Yara Gambirasio, la ragazzina scomparsa a Brembate nel 2010 e trovata cadavere un anno dopo, è oramai, con la sua triste storia, entrata nel cuore di tutti gli italiani. Federica Sciarelli, nell'ultima puntata del noto programma Rai Chi l'ha visto?, ha fornito aggiornamenti sul caso in questione. Ospite in studio il presidente dell'Associazione Penelope. Durante la puntata la Sciarelli ha discusso riguardo alcuni video su Massimo Giuseppe Bossetti, colui che è maggiormente sospettato come reale assassino della piccola Yara e che a Luglio dovrà affrontare il suo primo processo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Questi video trattano dell'arresto di Bossetti e dei suoi numerosi colloqui in carcere con la moglie Marita. Filmati peraltro messi in onda dal programma varie volte nelle precedenti puntate, anche alla presenza dell'avvocato di Bossetti e della consorte, senza che nessuno dei due protestasse.

Su questi video ognuno può farsi una sua idea, riguardo l'innocenza o la colpevolezza del muratore bergamasco.

Bossetti, vittima o carnefice?

Federica Sciarelli ha mostrato ulteriori video su Bossetti, anche per cercare di rispondere ad alcuni interessanti quesiti, tipo: "Quando i carabinieri sono andati a prenderlo, Bossetti ha tentato di fuggire?". Quando l'anno scorso i carabinieri andarono sul cantiere in cui stava lavorando l'uomo, misero scusa che stavano cercando degli extracomunitari, che si erano rifugiati in quel luogo. Chi l'ha visto? non ha mostrato le immagini in cui si vede il muratore arrestato, ma i momenti immediatamente precedenti. In effetti nel filmato si vede che l'uomo fugge alla vista delle forze dell'ordine. In seguito la Sciarelli ha fatto ascoltare ai telespettatori un interrogatorio di Bossetti dinanzi agli inquirenti, con la presenza del magistrato, una delle domande è stata proprio quella riguardante il motivo della tentata fuga, Bossetti avrebbe cercato di discolparsi affermando che lo aveva fatto, preso da un attacco di panico.

I migliori video del giorno

A questo punto gli inquirenti hanno chiesto al muratore di 44 anni il motivo del panico, lui ha risposto: "Ho avuto paura, perchè pensavo di essere portato dentro, per motivi di droga, ho chiesto anche ad un mio collega di chiamare qualcuno, perchè si stavano sbagliando". Il PM ha fatto però notare a Bossetti, che gli inquirenti stavano cercando dei lavoratori in nero, o almeno quello era il motivo apparente, ecco la risposta: "Sì lo confermo, loro avevano detto che stavano cercando degli extracomunitari, dei lavoratori in nero". Il PM allora ha insistito sulla domanda: "Perchè tanta paura?". Bossetti ha dunque dichiarato: "Ho avuto paura, perchè si erano rivolti tutti addosso a me". Un inquirente però ha fatto notare al muratore, che lui era stato colto dal panico ancor prima che loro dicessero il perchè fossero lì, Bossetti a questo punto ha riferito frasi sconnesse, neanche lui sapeva cosa dire. Alla fine ha affermato: "C'era un casino, non sapevo cosa stesse capitando".

Poi ci sono le intecettazioni video ambientali, ossia quando Bossetti ha parlato con la moglie in carcere, durante i numerosi colloqui tra i due.

Un video in particolare ha colpito gli inquirenti, cioè quello in cui dice a Marita di non riuscire a trovare un alibi. Nell'intercettazione bisogna dire, che la moglie fa molte domande al marito, i due parlano anche di Yara, della sua scomparsa e del campo in cui fu ritrovata nel 2011. Si parla ad un certo punto anche di alcune misteriose scarpe perse e slacciate.