L'ordinanza sindacale. "Le misure adottate dal Sindaco Garozzo lo scorso 18 giugno per evitare l'estendersi dei casi di cimurro riscontrati dall'Asp di Siracusa non sono idonee ad impedire il contagio del virus". Ad affermarlo è Cetty Vinci, consigliere comunale di opposizione, dopo un'attenta lettura del testo dell'ordinanza sindacale 49 del 2015 diretta al rifugio di contrada Dammusi.

Maggiore severità. "Il concetto di isolamento così come viene declinato dal primo cittadino nella sua ordinanza non lascia affatto sereni" - spiega la Vinci -. "Anzitutto, perché Garozzo continua a consentire al Piccolo Panda la sterilizzazione di soggetti estranei al rifugio, perché, anche se non restano ricoverati nella struttura, le condizioni della sala operatoria del canile non saranno tali da consentire la sterilità e quindi il mancato contagio del virus.

In secondo luogo, quei cani che l'ordinanza del Sindaco distingue come apparentemente sani non è detto che lo siano e quindi isolare solo quelli che mostrano sintomi non ha alcun senso. Infine, ad aggravare il rischio di contagio c'è il fatto che effettuando delle anestesie, si determina l'immunodepressione di quegli esemplari, che hanno una maggiore possibilità di contrarre il virus. La soluzione che avrebbe dovuto adottare Garozzo era quella di un isolamento vero, impedendo ogni tipo di entrata e di uscita - conclude Cetty Vinci - anche per le sterilizzazioni senza ricovero. E anche all'interno del rifugio, il Sindaco avrebbe dovuto avere il polso duro, chiedendo l'isolamento dei cani con un solo esemplare per ogni gabbia. Così invece si continua a mettere a rischio la popolazione canina.

I migliori video del giorno

Non leggo nell'ordinanza il termine di sole tre settimane così come era emerso da un'intervista dell'assessore Coppa, chiederò lumi in merito".

Prossimi passi. Cetty Vinci ha quindi annunciato che, in occasione del prossimo question time, proporrà un'interrogazione sull'argomento, sottolineando di non voler sottovalutare una situazione molto grave, legata ad una struttura che oggi gode di 437 posti autorizzati in convenzione dal Comune di Siracusa.