Un uomo in corso Vittorio Emanuele a Milano era riuscito a rapire una bambina di 9 anni, pochi metri ma per fortuna le urla della piccola sono riusciti ad attirare l'attenzione dei passanti e ad essere tratta in salvo dalla zia e dal suo compagno.

La triste vicenda

Erano le 11 di mattina di ieri 24 giugno, una tranquilla passeggiata sotto i portici del corso Vittorio Emanuele a Milano, la bambina era in compagnia della zia, del suo compagno e di un loro amico, quando improvvisamente un uomo di 46 anni si avvicina alla piccola afferrandola da dietro, i due uomini, agenti penitenziari e la donna non si sono accorti di nulla fino a quando non hanno udito le urla dell'uomo che gridava alla bambina di essere il padre, a questo punto la corsa dell'uomo si è bloccata grazie all'arrivo sia dei due uomini e sia di una pattuglia di polizia locale che è accorsa immediatamente.

Dopo aver ammanettato l'uomo gli agenti hanno fatto una ricerca per individuare che grado di parentela ci potesse essere con la famiglia della bambina, facendo la scoperta che era un perfetto sconosciuto. Successivamente sono, però, risaliti alla vera storia, si tratta infatti di un uomo già noto alle forze dell'ordine per atti persecutori ai danni della moglie e che ha ricevuto l'ordinanza di non avvicinarsi ai figli.

Arresto immediato

Questo lascia dedurre che l'uomo sia pericoloso, potrebbe compiere altri gesti del genere, l'episodio si è concluso bene grazie al fatto che il centro di Milano fosse affollato e dunque in molti sono stati allertati dalle urla e la fuga è stata bloccata, ma se si fosse trovato in una zona più isolata e con un'automobile a disposizione probabilmente le cose sarebbero andate diversamente.

I migliori video del giorno

Il procuratore Pietro Forno e il pm Antonio D'Alessio hanno ordinato l'arresto dell'uomo, poiché considerato pericoloso a causa di un evidente disturbo che lo induce a pensare che tutti i bambini siano suoi figli, potrebbe riprovarci con altre vittime. Una cosa è certa mamme papà, zii e nonni non lasciate mai i vostri bambini incustoditi, prestate la massima attenzione questi episodi sono all'ordine del giorno ed è un rarità che questa volta sia concluso con un lieto fine, talvolta una minima distrazione può essere fatale.