Continuano le indagini sul caso della morte di Domenico Maurantonio, il ragazzo di 19 anni che, il mese scorso, esattamente la notte tra il 9 e il 10 maggio, è precipitato dal quinto piano dell'albergo 'Leonardo Da Vinci' di Milano, mentre era in gita scolastica con la propria classe dell'Istituto Superiore di Padova. Gli esami cinetici al vaglio degli specialisti, forse chiariranno quale è stata l'esatta dinamica della morte del ragazzo.

Alcune indiscrezioni dicono che Domenico sarebbe caduto privo di sensi

Il sito internet UrbanPost ha riportato, nelle ultime ore, alcune indiscrezioni che lasciano perplessi e con molti dubbi su cosa è successo davvero quella notte tragica.

Domenico, a quanto pare, sarebbe caduto con una traiettoria parallela rispetto all'edificio. Ovviamente, questo viene dedotto dalla posizione del corpo del giovane padovano. Ma la cosa che è emersa in base ai già citati esami cinetici, lascia supporre che Domenico sia caduto già privo di sensi. L'ipotesi che gli inquirenti stanno tenendo in considerazione è quella che lo studente possa essere caduto nel vuoto, forse perché ubriaco. Si tratta, però, solo di un'ipotesi che sarà valutata dagli esperti.

Secondo il legale della famiglia Maurantonio, Domenico non era privo di sensi quando cadde nel vuoto

Intanto, l'avvocato della famiglia Maurantonio, Eraldo Stefani, intervenuto in una puntata di 'Mattino Cinque', non è affatto d'accordo con questa ipotesi. Secondo il suo parere, il diciannovenne non era privo di sensi prima della caduta letale. Il legale ha anche aggiunto che, probabilmente, tra non molto ci sarà una svolta nelle indagini.

I migliori video del giorno

E' quello che auspicano i genitori di Domenico e tutta la comunità padovana che si è stretta intorno ai familiari della vittima.

L'impressione generale è che la soluzione a questo dramma potrebbe essere molto vicina. Si aspettano, intanto, le analisi fatte sulle tracce del dna che sono state recuperate sotto l'unghia dello studente padovano. Siamo in attesa di altre notizie che, siamo certi, arriveranno nei prossimi giorni.