Acquistare uno smartphone vale più di una vita umana. In Kansas, negli Stati Uniti, una bambina di appena 2 anni è sfuggita ad un'atroce fine grazie al coraggio di una passante che, essendosi accorta che la piccola stava per soffocare e morire disidratata all'interno di un'automobile, si è lanciata in suo soccorso, rompendo un vetro della vettura e riuscendo ad estrarvi la piccola, ormai allo stremo delle forze. Gli zii, nel frattempo, stavano facendo spese in un negozio di smartphone.

Il video del salvataggio diventa virale

Nonostante i ripetuti appelli a non lasciare, soprattutto con questo caldo torrido, i bambini chiusi nelle auto, sotto il sole, senza un filo d'aria, gli zii statunitensi di questa povera bambina, hanno ben pensato, per recarsi ad acquistare uno smartphone, di abbandonare nell'automobile la loro nipotina.

Inevitabile che, al sole cocente del Kansas, la piccola dopo un po' abbia cominciato a sentirsi mancare l'aria e a soffrire di disidratazione. Per fortuna, di lì, passava Sarah Oropeza, una donna che, quando si è resa conto delle condizioni gravi in cui versava quella bimba, non ci ha pensato su due volte e con grande coraggio ha sfondato un vetro della macchina e ha recuperato la piccola.

La bimba era molto sudata e si trovava in uno stato di disidratazione avanzata: l'intervento tempestivo della sconosciuta le ha salvato la vita. Naturalmente, ora gli zii sono finiti nel mirino delle forze dell'ordine, le quali stanno indagando su questo comportamento scellerato nei confronti di una bimba di appena 2 anni. Il momento in cui Sarah Oropeza si è travestita da "eroina" e ha strappato la bambina a morte certa, è stato ripreso con uno smartphone.

I migliori video del giorno

Il video, finito in rete, è diventato immediatamente virale e molte persone hanno scritto commenti sia per complimentarsi con la coraggiosa signora, sia per attaccare gli zii irresponsabili che, per uno smartphone, stavano per causare la morte della nipotina, ignara della distrazione e della superficialità dei suoi parenti.