Quella che è stata ormai ribattezzata la “nonna eroina” si chiama Carmen Rodriguez e vive nella città di Jacksonville. La signora Carmen, come molti anziani, soffre d’insonnia e, non riuscendo a dormire, si è messa a recitare delle preghiere, come fa sempre in questi casi, ha raccontato sua figlia Sol Maria Cabrera al sito d’informazione locale Jacksonville.com. Ma verso le due del mattino, ha sentito odore di fumo e poi ha visto le fiamme.

Non ha perso tempo: è andata a bussare alle porte dei coinquilini - che stavano tutti sullo stesso piano -svegliandoli e permettendo loro di mettersi in salvo. Le 11 persone 10 adulti ed un bambino - che oltre a Carmen abitavano nel palazzo, non hanno riportato neanche un graffio - e in ogni caso sono stati assistiti dalla Croce Rossa -, ma l’edificio in cui vivevano ha subito gravi danni. Anche un pezzo di soffitto sopra il letto di “nonna eroina” è crollato, ma per fortuna lei era già al sicuro.

La dinamica dell’incendio e i danni

vigili del fuoco giunti sul posto hanno fatto sapere che le fiamme probabilmente hanno avuto cause accidentali, non dolose. Quando sono arrivati, i residenti nel palazzo erano già tutti in salvo, grazie alla signora Carmen Rodriguez. Mancava all’appello un’anziana, ma solo perchè si trovava in una casa di cura, ha fatto sapere la figlia. danni materiali al condominio sono pesanti: ammontano a 100.000 dollari.

Il precedente

Di recente in Florida è già accaduto un clamoroso salvataggio da un incendio: il 17 giugno due ragazzini, due amici,  Isaiah Francis, 10 anni, e Jeremiah Grimes, 11, hanno salvato altrettanti neonati  - rispettivamente di 1 anno e di 18 mesi -, i quali si trovavano in una casa che ha preso fuoco. Isaiah e Jeremiah hanno visto le fiamme dal giardino dell'abitazione di uno dei due, dove stavano giocando, e dato che sapevano che all'interno c'erano i bambini, si sono precipitati a salvarli. Hanno dato loro dell’acqua e poi hanno chiamato i soccorsi. Anche anche in questo caso un atto di eroismo da persone che ci si aspetterebbe indifese, non in grado di compierlo.