Una nuova clamorosa alleanza che potrebbe avere conseguenze di dimensioni inimmaginabili in tutto il Medio Oriente e non solo è appena accaduta: un rapporto segreto informa che ben cento membri di Hamas (organizzazione palestinese a Gaza) hanno giurato fedeltà all'Isis e al suo capo Abu Bakr al-Baghdadi. Lo riferisce il portale online di notizie investigative WND, in maniera più dettagliata il portale specifica che diversi membri di Hamas residenti a Gaza hanno unito le loro forze con il movimento salafita ultra conservatore dell'Isis e le alleanze con i nuovi adepti sarebbero state fatte una ad una in privato; l'iniziativa ha lo scopo di gettare le fondamenta per la nascita di un califfato anche a Gaza, quindi l'Isis non dà termine al suo piano dell'orrore, ma anzi allarga i suoi contatti ed il suo territorio.

L'Isis odiava Hamas

La notizia sorprende l'opinione pubblica internazionale, in quanto negli ultimi mesi c'era stato un aumento di divergenze e tensioni fra l'Isis e Hamas, lo scorso mese di luglio l'Isis aveva lanciato uno dei suoi soliti video dove aveva minacciato di distruggere Hamas e tutta Gaza per colpa delle sue politiche troppo deboli nei confronti di Israele, nel video si vedevano tre membri dell'Isis in posa con fucili d'assalto AK-47 che lanciano un nuovo attacco ai codardi di Hamas chiamandoli nullità e ricordando loro che Hamas esiste solo per distruggere Israele e non per fare trattati di pace con gli Ebrei; per l'Isis anche il territorio di Gaza dovrà essere disciplinato dalla loro legge islamica e seguire alla lettera la Shariah ed Abu Mazen veniva accusato di essere un traditore che non meritava di appartenere al popolo islamico.

I migliori video del giorno

Un cambiamento imprevisto

Sempre secondo il portale online WND, un importante membro dell'Isis, tale Abu Qatadah Al-Filistini, sta reclutando a Gaza da diversi giorni nuovi Mujahideen pronti a morire per il movimento salafita di Abu Bakr al-Baghdadi. Tutto questo sembrava quasi impossibile fino a qualche settimana fa quando ad esempio nel mese di giugno uno dei leader di Hamas fu fatto esplodere all'interno della sua auto da alcuni uomini dell'Isis, nella rappresaglia successiva Hamas uccise uno dei capi dell'Isis a Gaza, l'ultimo avvenimento che non faceva immaginare nessun accordo fra le due fazioni, fu quando l'Isis rapì quattro soldati delle forze speciali di Hamas mentre si dirigevano in Iran per un addestramento speciale.